rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Rudiae / Via Don Bosco

Violenta rissa in strada, fermato nigeriano con mannaia e coltello da cucina

Botte da orbi nella notte in via Don Bosco, nei pressi della stazione. All'arrivo della volante di polizia, i più sono riusciti a fuggire nelle vice circostanti. Un extracomunitario è stato comunque fermato. Addosso aveva armi bianche ben affilate. Sequestro e denuncia

LECCE – Qualche bicchiere di troppo, occhiatine e occhiatacce, battutine e battutacce e la scintilla innesca la miccia della rissa. L’ennesima in città, con il serio rischio di sfociare in tragedia, visto che alcuni fra i contenenti se ne andavano in giro come i protagonisti della battaglia dei Five Points in “Gangs of New York”, con coltelli dalla lama affilata e mannaie da film dell’orrore.

Sono stati gli agenti di polizia delle volanti a riportare la calma in via Don Bosco, non lontano dalla stazione ferroviaria. Almeno fino al prossimo round, previsto in data ignota, in uno dei tanti angoli di Lecce trasformati quotidianamente in ring.

La vicenda risale alla tarda serata di ieri, in una di quelle strade che, al calar del sole, si trasformano completamente, tanto da rientrare fra quelle off-limits, con tanto di ordinanza comunale di divieto di transito in auto per i non residenti. Qui, un gruppo di extracomunitari – almeno una decina di persone - si è fronteggiato dandosela di santa ragione. Calci, pugni, ceffoni, urla e “complimenti”.

Il solito copione delle azzuffate. L’arrivo di una volante della questura ha provocato l’inevitabile fuggi-fuggi generale. Alcuni sono però stati fermati e controllati. Fra questi, è spiccata la figura di M.J., nigeriano 32enne, residente a Lecce. In una borsa a tracolla aveva una mannaia e acuminato coltello da cucina. Condotto negli uffici di poliza, è stato denunciato a piede libero per rissa, detenzione e porto di armi bianche. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenta rissa in strada, fermato nigeriano con mannaia e coltello da cucina

LeccePrima è in caricamento