Tenta di vendere i-Phone e anello per strada, denunciata rom per ricettazione

Deferita a Lecce una 41enne che, insieme ad altre due donne più anziane, ha spiegato di provenire dal campo nomadi di Modugno. Un cittadino insospettito ha chiamato il 113 quando hanno tentato di vendergli vicino alla stazione merce sospetta. Rintracciate in seguito in piazza Sant'Oronzo

Polizia in piazza Sant'Oronzo (repertorio).

LECCE – Una rom di 41 anni, C.S., è stata denunciata a piede libero nel tardo pomeriggio di ieri per ricettazione, dopo essere stata rintracciata in compagnia di altre due donne più anziane, in seguito alla segnalazione al 113 da parte di un cittadino.

L’uomo s’è subito insospettito quando le tre donne gli si sono avvicinate, attirando la sua attenzione, per poi cercare di rifilargli oggetti di provenienza a dir poco sospetta, probabilmente provento di furto. Il leccese si trovava a passeggiare in quel momento lungo viale Oronzo Quarta, nei pressi della stazione ferroviaria.

Affiancato dalle donne rom, una di loro, in particolare, avrebbe esibito un telefono i-Phone, ma anche un anello che avrebbe asserito essere d’oro. Il potenziale acquirente, però, non solo ha declinato l’offerta, ma, quando le tre si sono allontanante a caccia di altri “clienti” ai quali mostrare la merce, ha pensato bene di contattare il 113.

Per telefono ha fornito una descrizione dettagliata di tutte, specificando anche che si stavano forse dirigendo verso il centro cittadino. Le pattuglie già in movimento per normali pattugliamenti in città, hanno perlustrato prima le vie intorno alla stazione, ma senza rintracciarle. Tuttavia, essendo la descrizione dell’abbigliamento e delle fattezze fisiche stata diramata via radio, un’altra volante le ha scovate in piazza Sant’Oronzo, dov’erano nel frattempo arrivate a piedi. Condotte in ufficio e perquisite, addosso alle due rom anziane non c’era nulla.

La 41enne, però, aveva due telefoni i-Phone di cui non ha saputo fornire indicazioni sulla provenienza. Nessuna traccia, invece, dell’anello segnalato dal cittadino, forse nel frattempo già rifilato a qualcun altro o nascosto particolarmente bene. Per la sola 41enne è scattata la denuncia a piede libero per ricettazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le donne, senza fissa dimora, hanno anche spiegato di provenire dal campo nomadi di Modugno, in provincia di Bari. E’ presumibile che fossero arrivate a Lecce poco prima in treno proprio per smerciare quegli oggetti.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento