rotate-mobile
Cronaca

“Mio suocero forse è in difficoltà”. Telefona da Bassano del Grappa, salvato 76enne di Lecce

Una donna residente in Veneto ha chiesto aiuto alla polizia. L'uomo, nei giorni precedenti, aveva manifestato segni di squilibrio. Arrivati gli agenti sul posto, hanno scoperto che era stato colto da malore

LECCE – Una telefonata da Bassano del Grappa ha permesso di salvare un 76enne residente alla periferia di Lecce. Una telefonata al 113, per la precisione, fatta da una donna che risiede nella città della provincia di Vicenza e che alla centrale operativa ha riferito di aver cercato invano di mettersi in contatto, tramite cellulare, con il suocero residente nel capoluogo salentino. L’uomo, ha precisato, vive da solo e nei giorni precedenti aveva manifestato alcuni segni di squilibrio e propositi di suicidio.

Subito è stata avvisata la questura di Lecce e i poliziotti delle volanti si sono fiondati verso la palazzina in cui è domiciliato il 76enne. Una volta sul posto, gli agenti hanno prima citofonato e poi bussato direttamente alla porta d’ingresso, ma invano. E dato che dall’interno dell’appartamento sentivano provenire lo squillo continuo del telefono cellulare, hanno ritenuto che l’uomo si trovasse in casa e, soprattutto, che potesse essere in difficoltà.

Così, tramite centrale operativa, i poliziotti hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuoco, per poter accedere all’interno, e nel contempo del 118. Ma non c’è stata necessità di sfondare la porta. Alla fine, il 76enne è riuscito, anche se con difficoltà, ad aprirla da solo. Era però stato colto da un malore, quindi l’intervento è stato tutt’altro che un buco nell’acqua. E alla fine è stato stabilizzato e tranquillizzato. Nel frattempo, infatti, era arrivato anche il personale sanitario.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Mio suocero forse è in difficoltà”. Telefona da Bassano del Grappa, salvato 76enne di Lecce

LeccePrima è in caricamento