menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio, nei guai due giovani fratelli a Lecce e un 48enne a Salve

Nel corso degli interventi dei carabinieri sequestrata marijuana in entrambi i casi. Per uno di loro scattati i domiciliari

LECCE – Un giovane agli arresti domiciliari e altri due denunciati. È l’esito di una serie di indagini dei carabinieri, in un caso a Lecce – dove sono finiti nei guai due fratelli -, nell’altro a Salve. In entrambe le situazioni, di mezzo, c’è lo smercio al dettaglio di marijuana.  

A Lecce, nella zona di via Monteroni, l’intervento è stato dei carabinieri della Sezione operativa che hanno arrestato un giovane di appena 19 anni, G.S., ritenuto responsabile del tentativo di cedere stupefacenti, e denunciato a piede libero, nel corso della stessa operazione, il fratello, M.S., di 21 anni. Tutto è nato durante un’attività mirata. I militari erano in osservazione da diverso tempo nella zona, sospettando vi fosse una situazione di spaccio e sono intervenuti proprio mentre il 19enne sembrava in procinto di cedere una dose di marijuana a un altro soggetto, che è stato poi identificato.

I carabinieri, poi, hanno eseguito la classica perquisizione domiciliare, dove hanno trovato 11 grammi di altra marijuana, già suddivisa, e un bilancino di precisione. Sebbene non fosse molta, la sostanza, la suddivisione in dosi, il bilancino e il tentativo stesso di cessione, hanno indotto a procedere all’arresto, ai domiciliari, nei suoi confronti, indagando a piede libero il fratello, ritenuto correo nello spaccio.

A Salve, invece, i carabinieri, al termine di un’attività dei carabinieri della stazione locale, è stato denunciato a piede libero G.S., 48enne del posto. Durante una perquisizione domiciliare, sono stati trovati, nascosti nell’armadio della camera da letto, 46 grammi circa di marijuana, finita sotto sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento