rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca Leuca / Viale Gioacchino Rossini

Non più solo sulle scuole: si moltiplicano in città le scritte no vax

Diverse ne sono comparse molto di recente nel quartiere Leuca, accanto all'ex "Galateo" (forse la più nuova) e in zona Settelacquare. Approfondimenti della Digos

LECCE – All’inizio venivano realizzate soprattutto davanti alle scuole, con un obiettivo ben preciso, quello di insinuare dubbi e mettere in ansia i genitori di bambini e ragazzi. Ora, si stanno diffondendo a macchia d’olio in città. E non sempre, a quanto sembra, in modo mirato, ma solo per il gusto di diffondere messaggi di contestazione. Sono le scritte contro i vaccini che, a Lecce, si stanno moltiplicando.

Probabilmente, l’ultima in ordine di tempo, a giudicare da quanto sia fresca la vernice spray usata, è stata realizzata giusto nelle scorse ore accanto all’ingresso principale dell’ex “Galateo”, in viale Gioacchino Rossini, laddove, in luogo del vecchio sanatorio circondato da un grande parco, un giorno sorgerà il “condominio solidale”. “I vaccini uccidono il governo lo sa”, ha scritto la mano di qualcuno, firmando con il solito logo delle tre “V” all’interno di un cerchio, già visto nei pressi di diversi istituti scolastici del capoluogo.

Si moltiplicano le scritte no vax

Oltra a quella spuntata nel quartiere Leuca, in questi giorni, e sempre molto di recente, altre scritte sono comparse in giro, tutte in zona Settelacquare. La caratteristica che le unisce tutte resta la vernice rossa, anche se non sempre la calligrafia appare la stessa, così come non sempre compare il logo caratterizzante.

Due di queste si trovano in via Pitagora, realizzate sui muri di vecchie palazzine. Una recita “+ vi vaccinate + vi appestate”, l’altra, a poche decine di metri, è genericamente “Contro Draghi”. Una terza si può leggere poco dopo il Mercatino delle arti e delle etnie di viale Aldo Moro. Poco prima di svoltare in via Lodi, c’è un vecchio muro di cinta scrostato che chiude un terreno incolto. Lì, mano ignota ha composto questo doppio pensiero: “No, no green pass + vi vaccinate + vi appestate”.

Su tutti questi episodi, come sugli altri di cui si è scritto nelle scorse settimane e riguardanti, come detto, diverse scuole, si stanno svolgendo approfondimenti della Digos della Questura di Lecce.   

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non più solo sulle scuole: si moltiplicano in città le scritte no vax

LeccePrima è in caricamento