Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca Piazza Sant'Oronzo

Flash mob docenti, seduti in piazza per difendere la scuola pubblica

La voce della manifestazione si è sparsa sui social network e piazza Sant'Oronzo si è riempita di insegnanti intenti a correggere compiti. Prossimo passo: elaborazione di un documento contrario al disegno di legge di stabilità

 

LECCE - Un flash-mob spontaneo, quello di questa mattina nella centralissima piazza Sant'Oronzo di Lecce, cui hanno aderito un gran numero di docenti delle scuole medie superiori di tutta la provincia per manifestare il proprio disappunto verso il decreto sulla scuola contenuto nel disegno di legge governativo di stabilità. L'obiettivo:sensibilizzare l’opinione pubblica sulle ricadute che tale decreto produrrà su tutto il comparto scolastico.

La voce dell'incontro è circolata rapidamente sui social network, facebook in particolare, e gli addetti ai lavori hanno deciso di aderire compatti, unendo le voci in un unico coro che esprimeva il disagio nei confronti di un governo che, a loro dire, "penalizza ulteriormente il mondo della scuola già afflitto da gravi carenze strutturali aule inadeguate, assenza di laboratori, strutture fatiscenti e poco centrale nel discorso pubblico". 

I docenti hanno abbandonato i megafoni e le forme di protesta plateali, scegliendo di restare rimasti semplicemente seduti a svolgere attività meno note rispetto alle ore di insegnamento frontale come la correzione delle verifiche e dei compiti in classe. Attività comunque fondamentali e che occupano il loro tempo, dai più considerato libero.

Questo non sarà un episodio isolato, promettono gli organizzatori. Idocenti hanno già deciso di incontrarsi, infatti, per stilare un documento per esprimere il loro disappunto per le modifiche legislative e il loro disagio per la situazione attuale da inviare a Roma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flash mob docenti, seduti in piazza per difendere la scuola pubblica

LeccePrima è in caricamento