rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Leuca / Via Vecchia Lizzanello

Sgomberata una masseria diroccata: era occupata da una coppia

È la seconda volta che due senzatetto entrano nello stabile, alla periferia di Lecce, di proprietà della Curia e in fase di cessione. Si sono allontanati senza opporre resistenza

LECCE – Polizia e carabinieri sono intervenuti questa mattina in via Vecchia Lizzanello, in una zona di periferia fra quartiere Leuca di Lecce e rione Castromediano di Cavallino, per sgomberare uno stabile occupato abusivamente da una coppia di senzatetto, due artisti di strada.

L’immobile è una vecchia masseria rurale, al momento del tutto fatiscente e senza servizi igienici, in cui vi è necessità di lavori, che dovranno essere svolti a breve, a quanto sembra. Già, perché lo stabile è di proprietà della Curia leccese che la sta cedendo a un privato. Tanto che vi sarebbe già un preliminare di vendita.

La masseria rurale sgomberata

Non è la prima volta che la stessa coppia occupa quella vecchia masseria. Già tempo addietro si era insediata ed era stata obbligata ad andarsene. Ritornati nei giorni scorsi, con tutti i propri animali, diversi fra cani e gatti, i due hanno spaccato la muratura creata davanti agli accesi proprio per evitare ingressi abusivi e si sono insediati di nuovo all’interno.

Così, è stata presentata una denuncia in Questura, circa una settimana addietro, e oggi polizia e carabinieri (più polizia locale per la viabilità) sono intervenuti per invitare i due ad abbandonare di nuovo lo stabile.

Va detto che non hanno opposto alcuna resistenza, tutto s’è svolto in maniera pacifica. E la coppia ha dovuto lasciare l’immobile, dove di certo viveva in condizioni a dir poco precarie. Considerando la denuncia pendente, però, i due rischiano ora il deferimento alla Procura per il reato di invasione di terreni o edifici. Mentre gli accessi sfondati sono stati di nuovo murati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgomberata una masseria diroccata: era occupata da una coppia

LeccePrima è in caricamento