Cronaca

Cabina di regia Asl Lecce. Riunione allargata ad Ambiti e Provincia

Cgil Cisl e Uil presenti alla prossima riunione del 1° marzo."Riqualificazione rete socio-sanitaria, territorializzazione dei servizi, assistenza domiciliare, non autosufficienza sono questioni indifferibili"

LECCE - Sarà riconvocata il 1° marzo la prossima riunione della cabina di regia della Asl Lecce per approfondire i temi cruciali affrontati nella riunione dei giorni scorsi (7 febbraio) su richiesta di Cgil Cisl Uil e dei rispettivi sindacati di categoria dei pensionati e della funzione pubblica.

Cruciali secondo i sindacati perché, a fronte di una riorganizzazione dei servizi sanitari e dei suoi presidi, è necessario rispondere, in tempi ragionevolmente brevi, con un rafforzamento della rete dei servizi socio-sanitari, primi fra tutti quelli di assistenza domiciliare integrata, incentivando la deospedalizzazione. Per questo alla riunione del 1° marzo saranno chiamati a partecipare anche gli Ambiti di zona ed la Provincia di Lecce.

Nella riunione dei giorni scorsi, la discussione si è concentrata sulle politiche sanitarie nel Salento, con particolare riferimento alla non-autosufficienza e allo sviluppo dell’ADI (assistenza domiciliare integrata) negli ambiti socio-sanitari. Presenti il direttore Valdo Mellone, i dottori Narracci e Gigante, i direttori dei distretti sanitari per la Asl-Le ed i rappresentanti sindacali confederali con i rispettivi dirigenti provinciali del sindacato unitario dei pensionati e della funzione pubblica.

"Forte rilevanza ha avuto la questione dell’integrazione socio-sanitaria nel territorio della provincia di Lecce e di come la stessa assuma una dimensione fondamentale in questa fase di riordino e riqualificazione della rete sanitaria e di una non più differibile territorializzazione dei servizi. - spiegano Cgil, Cisl e Uil - Abbiamo ribadito con determinazione l’esigenza di un circuito condiviso fra tutti i protagonisti in campo (Asl, Provincia, ambiti zonali, organizzazioni sindacali) al fine di realizzare un costante ed efficace percorso di buone pratiche".

!Questa proposta è stata assunta da tutti i presenti, convinti che questo processo virtuoso possa condurre al superamento degli attuali ritardi e sottovalutazioni, anche perché non possiamo più astenerci dagli obiettivi di servizio fissati dal piano regionale e da una qualificata omogeneizzazione degli standard proposti dai dieci ambiti salentini.- proseguono le segreterie - Di conseguenza si è stabilito il comune impegno di redigere un apposito protocollo che regolamenti, a livello provinciale, ruoli e compiti del segmento sociale con il segmento sanitario così da generare una articolata e robusta integrazione socio-sanitaria".
La centralità della estensione dell’Adi, secondo i sindacati, è il terreno reale sul quale misurare la capacità delle istituzioni e delle forze sociali al perseguimento della priorità costituita dalla applicazione dell’assistenza domiciliare integrata in tutto il nostro territorio.

"Perciò massima coerenza e responsabilità nella spesa delle risorse messe a disposizione dal ministro Fabrizio Barca con il piano di azione coesione. - conludono - L’obiettivo è di estendere la fruizione dell’Adi in maniera più vicina ai reali bisogni delle nostra popolazioni e di realizzarlo incidendo in modo strutturale sull’integrazione tra prestazioni sanitarie e sociali che, a tutt’oggi, mantengono spesso distinti circuiti finanziari e modalità di governo. Infine la presenza dei direttori di distretto ha consentito l’avvio di una disamina dello stato di riordino della rete ospedaliera provinciale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cabina di regia Asl Lecce. Riunione allargata ad Ambiti e Provincia

LeccePrima è in caricamento