Cronaca Stadio / Viale Aldo Moro

Buco nel vetro e nell’acqua. Dopo la “spaccata” scopre che tutte le casse sono vuote

Miseramente fallito il furto all'Eurospin di viale Aldo Moro, a Lecce. Il rumore provocato dal cristallo sfondato ha attirato una passante che ha subito chiamato le forze dell'ordine. E così il malvivente ha rischiato anche di essere fermato. Questione di minuti

LECCE – Fatto il buco nel vetro, è stato anche il classico buco nell’acqua. Già, perché chi nella notte ha avuto la pensata di sfondare una vetrata del discount, non aveva fatto i conti con la possibilità che le casse fossero state anzitempo svuotate. E così era. Non c’era il becco di un quattrino da sgraffignare.  

Insomma, al rischio di ferirsi con qualche cristallo schizzato per aria e quello di essere colto con le mani nel sacco (una volante di polizia è arrivata sul posto in pochi istanti, questione di minuti e incroci), quello del misterioso furfante all’Eurospin non è stato, è il caso di dire, “un colpo intelligente”.

c333523b-666d-4606-817d-641e178361bb

Tutto è avvenuto intorno a mezzanotte e mezza, e nemmeno l’orario scelto è stato dei migliori, perché a cavallo fra venerdì e sabato la circolazione in città è sicuramente più sostenuta rispetto agli altri giorni.

Ad agire, colpendo l’Eurospin di viale Aldo Moro, nei pressi di zona Settelacquare, dovrebbe essere stato un singolo malvivente, quello visto allontanarsi in fretta da una donna. Era di passaggio in quel momento e ha sentito un rumore frastornante che l’ha letteralmente messa sul chi va là. Poi, ha scorto la sagoma di un uomo allontanarsi in fretta e in furia dal plesso che ospita il discount. E così ha chiamato il 113.

50c55ddd-df03-45f4-aa9a-a11983f79e13

Una volante ha raggiunto il posto nel giro di breve tempo e così hanno fatto i carabinieri della sezione radiomobile, dato che quella fetta di città era nella notte di loro competenza territoriale (e infatti ora le indagini sono in mano ai militari della compagnia di Lecce e si partirà dalla visione dei filmati del sistema di videosorveglianza).

Sperando di non essere notato, e usando qualche oggetto contundente, il malvivente ha spaccato la vetrata di un ingresso laterale, meno esposto al passaggio di veicoli. Poi ha iniziato a frugare nelle tre casse, per scoprire che nessuna conteneva soldi. A quel punto, la fuga, non senza essere notato, sebbene forse non molto chiaramente, visto il frastuono provocato che ha attirato l’attenzione della passante.

5a2e6d84-6837-493c-984f-0d92bd1dbe6f

Da ricordare che non molto tempo addietro, verso la fine di ottobre dello scorso anno, ci fu un episodio simile. In tre furono fermati e denunciati a piede libero, dopo essere stati rintracciati accovacciati nelle campagne delle vicinane, nel vano tentativo di farla franca. Tutti molto giovani, avevano con sé ancora arnesi da scasso e la refurtiva.

L’azione della notte appena trascorsa deve essere stata iniziativa estemporana di qualcuno in cerca di soldi facili. Ma l’attenzione delle forze dell’ordine resta alta. In giro ci sono bande anche piuttosto agguerrite, come quella che solo 24 ore prima ha letteralmente svuotato di soldi un’intera sala slot sulla provinciale fra Lecce e Cavallino.

Un uomo osserva incuriosito il foto nella porta automatica

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buco nel vetro e nell’acqua. Dopo la “spaccata” scopre che tutte le casse sono vuote
LeccePrima è in caricamento