Rapinano la stazione di servizio e dopo bruciano l'auto appena sottratta

Due malviventi nella Total Erg della tangenziale est. Presi i soldi della cassa e di un cliente, ma anche un'Audi. Che è stata poi data alle fiamme alla periferia di Monteroni

L'Audi bruciata (foto di Antonio Quarta).

LECCE – Un’azione rapida e inattesa. Con un finale a sorpresa: i malviventi non avevano un mezzo per spostarsi. Così, dopo aver depredato la cassiera di una stazione di servizio sulla tangenziale est di Lecce e persino un cliente, hanno minacciato un terzo uomo, sottraendogli l’auto e fuggendo. Un’Audi A4 station wagon, per la precisione, poi data alle fiamme alla periferia di Monteroni di Lecce, cancellando in questo modo ogni eventuale traccia lasciata. O, almeno, così sperano.

L'irruzione alle 5,45

E’ stata  un’alba molto movimentata, quella di oggi, alla periferia di Lecce. Attorno alle 5,45 due uomini, entrambi incappucciati, armati di una pistola, hanno fatto irruzione nell’area di servizio Total Erg della tangenziale. Non è chiaro come siano arrivati sul posto, se sbucando dalle campagne circostanti o dopo essersi fatti dare un passaggio da qualcuno. Tant’è: per chi era presente, dev'esse stato come vedersi materializzare all'improvviso due spettri davanti. Hanno colto tutti di sorpresa. E sotto la minaccia dell’arma, si sono fatti consegnare i soldi, prima di fuggire. In tutto, circa mille e 800 euro.

Rapinata anche un'Audi

Il grosso, mille e 300 euro, era contenuto nel registratore di cassa. La cassiera è stata costretta a farsi da parte. Non contenti, però, i rapinatori hanno puntato la pistola anche a un cliente dell’area di servizio. Aveva con sé ben 500 euro. Poi, la fuga. Hanno minacciato il proprietario di un’Audi che si trovava nel piazzale a fare rifornimento, costringendolo a scendere. Ulteriore dettaglio, in auto c'era un fucile caccia Beretta calibro 12, modello A/300. Si sono così dileguati (con un'insperata arma in più a loro vantaggio), facendo perdere le tracce. Sul posto sono poi arrivati gli agenti delle volanti di polizia e della squadra mobile, che hanno ascoltato le testimonianze e avviato le ricerche. Che però non hanno portato a rintracciare i malviventi. Anche perché, stavano già mettendo in atto la seconda parte del piano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vettura data alle fiamme

Arrivati alla periferia di Monteroni, nella zona di via Bernini, subito dopo una rotatoria che immette nella cittadina, i due hanno mollato l’Audi e le hanno dato fuoco. Le fiamme hanno attirato il vicinato e sono partite le chiamate ai vigili del fuoco. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri. E, svolgendo qualche accertamento, s’è scoperto che quell'Audi, altra non era, se non proprio l’auto rapinata alla Total Erg. Ormai carbonizzata e traportata in un deposito giudiziario, dopo essere stata sequestrata. Sarà sottoposta ad accertamenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento