menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accusato di estorsioni ai commercianti, lascia il carcere dopo un anno

Torna in libertà Emiliano Vergine, attualmente sotto processo per vicende che si sono consumate fra Trepuzzi e Squinzano

Lascia il carcere Emiliano Vergine, 43enne di Trepuzzi, detenuto da circa un anno dopo essere stato accusato di alcune estorsioni commesse ai danni di commercianti di Squinzano e Trepuzzi e finito a processo ai primi di settembre del 2019.

Secondo l’accusa, l’uomo avrebbe fatto leva sul suo trascorso all’interno della Sacra corona unita per approvvigionarsi di ogni tipo di bene, vessando alcuni commercianti che sarebbero stati costretti a recapitare merce gratis presso l’abitazione dov’era già ristretto ai domiciliari per precedenti vicende, quando scattò l’indagine portata avanti dai carabinieri.

I giudici della Seconda sezione collegiale (presidente Pietro Baffa, a latere Bianca Maria Todaro e Valeria Fedele) hanno accolto l’istanza avanzata dalla difesa, rappresentata dall’avvocato Rita Ciccarese, e hanno disposto la scarcerazione di Vergine senza applicare alcuna misura cautelare.

L’istanza era stata presentata a seguito di alcune novità emerse nel corso delle udienze del processo a carico dell’uomo, durante le quali, i commercianti hanno in parte negato di aver subito minacce. I giudici, dal canto loro, hanno ritenuto che, allo stato attuale, non vi sia rischio d’inquinamento probatorio, considerando che quasi tutte le prove documentali e le dichiarazioni sono state acquisite, hanno tenuto conto del comportamento adottato nel corso dell’udienza e ritenuto che il tempo trascorso in carcere sia stato adeguatamente congruo per aver maturato consapevolezza di quanto avvenuto e compiere reati analoghi rispetto a quelli per i quali è in corso il processo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento