Cocaina e hashish trovati dopo perquisizioni: in due finiscono ai domiciliari

Gli arresti eseguiti a Ugento e Lecce. Nel primo caso, un giovane era già stato fermato a gennaio e sempre per spaccio di droga

Dosi di cocaina (foto di repertorio).

LECCE – L’hanno arrestato per la seconda volta in un anno. E sempre per spaccio di sostanze stupefacenti. Matteo Congedi, 35enne di Ugento, è stato fermato nella tarda mattinata di ieri dai carabinieri della Sezione operativa di Casarano.

CONGEDI MATTEO 11-09-1984 SCORRANO 2-2Durante una perquisizione in casa, i militari casaranesi e i colleghi ugentini, che evidentemente lo tenevano d’occhio con discrezione per verificare i movimenti, hanno trovato 6,2  grammi di cocaina e altri 0,7 di marijuana. Nel corso delle ricerche, nell’abitazione hanno rinvenuto anche un bilancino di precisione e diversa sostanza da taglio, tutto finito sotto sequestro. Il giovane è stato sottoposto ai domiciliari.

Già nel gennaio scorso, Congedi era finito nei guai, fermato in quel caso dai poliziotti del commissariato di Taurisano che avevano trovato in auto quindici bustine di cocaina. Era stato subito dopo condannato a sei mesi per direttissima, con sospensione della pena.

Lecce, trovato con hashish: arrestato

Nella stessa mattinata, ma questa volta a Lecce, altri carabinieri, quelli della Sezione radiomobile di Lecce, al termine di una perquisizione mirata, sia personale, sia domiciliare, hanno arrestato in flagranza Andrea Colangeli, 57enne. I militari hanno trovato 54,5 grammi di hashish altri 2,8 grammi della sostanza in resina. Colangeli aveva anche un bilancino precisione, materiale per il confezionamento e 345 euro. Tutto, anche in questo caso, sequestrato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche nel caso di Colangeli, la perquisizione è stata mirata. I militari l'hanno fermato all'interno di un bar, su via Monteroni, dopo averlo pedinato. Nelle tasche aveva i soldi e la resina di hashish. Il resto era nella casa dove vive, con la madre (all'oscuro di tutto), ben nascosto fra base e intercapedine del caminetto. Qui, infatti, i carabinieri non hanno trovato solo il grosso della sostanza, ma anche ritagli usati per confezionare singole dosi e cellophane. In più, su una scrivania, c'erano due coltelli con residui di resina di hashish sulle lame. Sia Congedi, sia Colangeli, si trovano ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Emergenza coronavirus, registrati altri tre casi di positività in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento