menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La verifica è per le norme Covid, ma poi si scoprono le opere abusive

A Lequile sequestrata un’area destinata all’attività sportiva. La polizia locale sul posto dopo segnalazione di una gara di padel

LEQUILE (LE) – Tutto è partito da un classico controllo per verificare se l’attività sportiva fosse consentita. Ma si è arrivati a un’altra scoperta, forse inattesa: in quell’area vi erano opere abusive. Il fatto è avvenuto a Lequile, dove mercoledì 17 marzo gli agenti di polizia locale, dopo una segnalazione, si sono recati in un capannone della zona Pip comunale, per verificare se fossero in corso attività sportive non consentite dall’attuale normativa per quanto riguarda le zone rosse.

Quando gli agenti sono arrivati sul posto, era in corso una partita di padel. E al momento l’iter amministrativo è ancora in corso. La polizia locale, infatti, sta acquisendo tutti i dati relativi ai requisiti vantati dagli atleti e dalla struttura per poter esercitare attività sportiva di allenamento al chiuso anche in zona rossa. Vale a dire, tesseramenti Fit non “last-minute” di atleti agonisti, iscrizione a tornei di interesse nazionale riconosciuti dal Coni programmati e fissati con sufficiente anticipo nei calendari agonistici, effettiva necessità di doversi allenare in territorio extra-comunale. E, nello stesso tempo, si è ha attivato anche un procedimento di verifica di tipo edilizio.

Ebbene, il giorno dopo, giovedì 18, la polizia locale è tornata sul posto con personale dell’ufficio tecnico comunale. Insieme con proprietari e gestori dell’immobile, è stato effettuato un ulteriore sopralluogo. E sarebbe emersa la presenza di opere abusive, ovvero in difformità rispetto al permesso di costruire e alla destinazione d’uso del capannone industriale all’interno del quale, oltre ad un’area destinata alle attività sportive (due campi di padel, spogliatoi per atleti e reception), era presente anche un’ampia area destinata a magazzino di materiale elettrico. Sentito il pubblico ministero di turno, si è proceduto così al sequestro preventivo dell’area destinata all’attività sportiva e alla denuncia degli imprenditori a cui fa riferimento la struttura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento