Cronaca Castrignano del Capo

In quarantanove assiepati sul catamarano, anche bambini fra i migranti al largo di Leuca

La barca, di circa 12 metri, intercettata prima dal radar nella notte e poi dalle vedette della guardia di finanza, che l'hanno abbordata per scortarla verso il porto, con arrivo nella mattina di oggi. Il gruppo potrebbe essere partito dalle coste della Turchia

SANTA MARIA DI LEUCA – Quarantanove migranti hanno raggiunto questa mattina le coste salentine. Probabilmente partito dalla Turchia, il gruppo (del quale fanno parte anche un paio di bambini e diversi minorenni in generale) è stato intercettato a bordo di un’imbarcazione a vela al largo del Capo di Leuca. La Edga – questo il nome della barca – è arrivata nel porto di Santa Maria di Leuca intorno alle 10.

Nonostante le condizioni meteomarine fossero tutt’altro che ottimali, i migranti, cittadini di paesi del Vicino Oriente, principalmente iraniani e iracheni, si sono messi in mare nel tentativo di raggiungere le coste italiane, seguendo quella rotta balcanica marittima che conduce di volta in volta o verso i litorali del Salento o quelli della Calabria. Un fenomeno che si è attenuato, rispetto al passato, forse anche per via delle recenti inchieste che hanno tagliato la testa a potenti gruppi criminali impegnati nella gestione dei traffici di vite umane, sebbene non sia mai cessato del tutto.

6af16128-e528-4710-9256-e0c4e65fe22f

A rintracciare l’imbarcazione è stato, nella notte, il Reparto operativo aeronavale della guardia di finanza di Bari, con le motovedette delle Sezioni operative navali di Otranto e Gallipoli smistate per l’abbordaggio.

L'approdo nel porto di Leuca

La Edga, priva di bandiera, è stata dapprima avvistata dai radar della guardia di finanza e poi intercettata dalle vedette delle "fiamme gialle", che l'hanno scortata verso il porto. A bordo anche il personale della capitaneria di porto di Leuca. Si tratta di un catamarano di 12 metri circa. A terra, il gruppo era atteso dai volontari della Croce rossa italiana del comitato di Lecce, da altri finanzieri, guardia costiera, da agenti di polizia del commissariato di Taurisano, dai sanitari dell'Usmaf.

7da80c4d-1686-4617-9600-4eb2d4bec1e3

Trenta erano gli iracheni a bordo, composti da ventuno uomini, tre donne, due ragazzi e una ragazza al di sotto dei 18 anni, un bambino e una bambina. Diciassette, invece, gli iraniani: quattordici uomini, una donna, due ragazzi ancora minorenni. A chiudere il gruppo altri due uomini adulti, un egiziano e un siriano. Dopo le prime visite di controllo, i migranti sono stati trasferiti verso Masseria Ghermi, a Lecce, centro di prima accoglienza indicato dalla prefettura.

Video | L'arrivo dei migranti in porto

Al pool interforze della procura sono ora affidate le indagini per individuare eventuali scafisti fra i migranti e ricostruire la rotta, la dinamica dell’evento e la località di partenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In quarantanove assiepati sul catamarano, anche bambini fra i migranti al largo di Leuca
LeccePrima è in caricamento