Alba di follia: 21enne come un ciclone, devasta parcometri e rovescia bidoni

I carabinieri di Leverano sono stati tempestati di chiamate fin dalle 5,30 del mattino da cittadini inviperiti per i danni provocati da un giovane, che stava anche lanciando alcuni sassi, e che è stato alla fine rintracciato in via Veglie e sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio

Foto di Antonio Quarta.

LEVERANO – E’ passato come un ciclone sul paese quando i più ancora dormivano della buona. E dalle 5,30 del mattino in poi, sono state tante le segnalazioni pervenute alla caserma dei carabinieri di Leverano.

A chiamarli, cittadini con la bocca ancora impastata di sonno, a metà fra lo spaventato e l’infastidito per il frastuono e l’ira incontenibile di chi lo stava provocando. Fra le varie telefonate, anche quella del sindaco Giovanni Zecca.

Non è nemmeno la prima volta che suppellettili cittadine vengano danneggiate, e sembra che dietro vi sia sempre e solo la mano di una singola persona, un 21enne che è stato alla fine bloccato. Per essere poi sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio.

Il ragazzo, dunque, questa mattina, quando i primi raggi di sole iniziavano timidamente ad affacciarsi, si aggirava già in sella alla sua bicicletta lungo le vie della “Città dei fiori” a sfogarsi contro tutto ciò che gli capitava a tiro, e senza alcun motivo apparente, se non per un profondo disagio personale proveniente da una situazione famigliare difficile.

Di certo, dietro di sé ha lasciato una scia di danni non da poco. Prima ha smantellato il parcometro di via Cesarea, poi un altro in via Sindaco Caracciolo. Non contento, nel suo virulento incedere se l’è presa anche con alcuni cassonetti, colpiti con sassi e rovesciati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un vero pericolo pubblico, che alla fine è stato rintracciato dai militari lungo la via per Veglie. E i carabinieri hanno dovuto far intervenire un’ambulanza del 118 per un tso, quanto mai necessario per calmare i bollenti spiriti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento