Cronaca Via Otranto

Fiamme nella villetta, paura per una donna e il nipotino

Momenti di forte apprensione, questa mattina, per un incendio che s'è sprigionato all'interno di una villetta di via Otranto, forse a causa di una presa difettosa. Sul posto i vigili del fuoco e gli agenti di polizia municipale

Foto di Antonio Quarta per LeccePrima (tutti i diritti riservati).

 

LEVERANO – Momenti di forte apprensione, questa mattina, a Leverano, per un incendio che s’è sprigionato all’interno dell’abitazione in cui risiede la vedova di Antonio Muci, ingegnere noto, in città, scomparso da qualche tempo. Le fiamme hanno avuto origine in una stanza al primo piano della villetta che sorge in via Otranto, all’angolo con via Pantelleria, alla periferia del comune.

La donna si trovava in casa con il nipotino, quando, improvvisamente, il fumo nero ha invaso le stanze, rendendo l’aria irrespirabile. Sono subito stati chiamati i vigili del fuoco, giunti con un mezzo dal distaccamento di Veglie. Sul posto, anche gli agenti di polizia municipale. I pompieri hanno spento le fiamme residue, individuando la causa del possibile rogo. Gli accertamenti sono ancora in corso, ma a quanto pare, tutto potrebbe essere riconducibile a una ciabatta difettosa.

1-601-7Le scintille che hanno innescato il rogo sarebbero nate proprio nella presa, fino a espandersi, annerire anche una porzione di parete e attecchire su alcuni infissi. I danni non sarebbero ingenti, né l’abitazione inagibile. Tuttavia, per il momento, è stata sgombrata, per aerare i locali invasi dall’odore aspro del fumo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiamme nella villetta, paura per una donna e il nipotino

LeccePrima è in caricamento