menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio di cocaina nella sala slot. E spunta anche un misterioso proiettile

A Leverano arrestato un 39enne. Aveva anche un libro mastro con cifre che doveva dai clienti. E s'indaga anche su altri fronti

LEVERANO – Come base per lo spaccio di stupefacenti, avrebbe usato proprio la sala slot di sua proprietà, in via dei Tigli, nei pressi della villa comunale di Leverano. Ma certi movimenti non devono essere passati inosservati e, ieri, lì, si sono presentati i carabinieri dell’aliquota operativa del Norm di Campi Salentina, insieme ai militari della stazione locale e al Nucleo cinofili di Modugno. Insomma, la convinzione che Luca Dell’Anna, 39enne, cedesse droga era tale che i militari hanno deciso di andare fino in fondo alla storia, avvalendosi del fiuto dei cani antidroga.

E’ così, perlustrando il locale da cima fondo, che i militari hanno trovato undici dosi di cocaina per peso un totale di 4 grammi, ma anche 52 grammi di creatina, usata come sostanza da taglio. Molto interessante, a livello investigativo, è soprattutto un libro mastro, sul quale sono appuntati quelli che, molto probabilmente, dovrebbero essere i nominativi di vari “clienti”, con tanto di somme ancora da ricevere. In qualche caso, anche piuttosto alte.

Il libro servirà, dunque, a ricostruire il volume d’affari ed è finito sotto sequestro insieme ad altro materiale, usato per il  confezionamento, e a un bilancino di precisione. E non è tutto. Nella sala slot, i militari hanno trovato anche un proiettile calibro 7.65. Uno solo. E a questo punto, sorge la domanda, se dovesse servire a qualcosa. Fra Leverano e dintorni, di recente, non sono di certo mancati episodi criminali di un certo livello. Una recrudescenza che ha lasciato molti di sasso. Che vi sia qualche collegamento? Lo sveleranno le indagini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento