Lido Canne, troppe violazioni: e ora arriva lo stop alla concessione

Prima l'occupazione abusiva del demanio con denuncia del titolare, poi la violazione di sigilli, per la quale è finita nei guai la madre. Il Comune ha emesso due ordinanze che sanciscono, di fatto, la chiusura della struttura balneare

PORTO CESAREO – Tanto tuonò che piovve. Dopo due denunce di fila, arriva lo stop alla concessione demaniale. Che sancisce, di fatto, la chiusura dello stabilimento balneare proprio mentre si sta entrando nel clou della stagione estiva. Si tratta di Lido Canne, struttura di Torre Lapillo, marina di Porto Cesareo. Su di esso, dunque, si è ora abbattuta la scure del Comune, che ha firmato ieri ben due ordinanze, eseguite oggi dai carabinieri della Sezione operativa di Campi Salentina, con i militari della stazione locale e la polizia locale.

Le ordinanze sono state emesse dal settore urbanistico per la sospensione della concessione e da quello affari legali, risorse umane e Suap, per la chiusura dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande. Le concessioni erano state rilasciate a P.A., 48enne, copertinese, titolare del lido, già finito nei guai il 20 luglio scorso. Nel pomeriggio di quel giorno, infatti, i carabinieri l’avevano denunciato per aver collocato ventisette ombrelloni e cinquantaquattro lettini su circa 200 metri quadri di area demaniale marittima, senza godere di alcuna autorizzazione.

L’area era stata sgomberata e l’attrezzatura sequestrata, e tuttavia, solo due giorni dopo si è verificato un fatto piuttosto grave. Il 22 luglio, infatti, di buon mattino, ombrelloni e lettini erano “magicamente” ricomparsi in spiaggia. Tanto che i carabinieri erano ritornati sul posto, denunciando questa volta la madre del titolare, C.T., 74enne, per violazione di sigilli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna, nominata con il figlio custode giudiziale del materiale sequestrato, è stata infatti accusata di aver riutilizzato le attrezzature nell’attività balneare. Tanto che si è deciso, dopo questo secondo episodio di fila, di affidare ombrelloni e quant’altro in custodia giudiziale al sindaco di Porto Cesareo, Salvatore Albano. E ora, proprio dal Comune, è arrivata la stoccata finale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

  • Dall’epidemiologo “supposte di realismo”: al Sud a rischio il 99 per cento dei cittadini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento