Cronaca

Lite in casa, poi spinge carabiniere dalle scale: finisce in manette

Arrestato un operaio di 47 anni di Castrignano de’ Greci. I militari volevano dividerlo da moglie e figlia minorenne

Foto di repertorio.

MARTANO – Un operaio di 47 anni di Castrignano de’ Greci è finito in arresto per resistenza a pubblico ufficiale. Tutto nato, però, in seguito a un’altra vicenda: una violenta lite in famiglia. Ieri sera, infatti, i carabinieri della stazione di Martano, sono intervenuti a Castrignano de’ Greci, presso l’abitazione di una famiglia per sedare un violento battibecco tra moglie e marito.

La situazione era turbolenta e delicata, anche a causa della presenza in casa della figlia minore. I carabinieri sono così dovuti intervenire con decisione, soprattutto per garantire l’incolumità degli interessati.

Appena ha visto i militari, però, il 47enne ha dato in escandescenza, rifiutando di fornire le proprie generalità e iniziando a inveire. I militari, invano, hanno tentato di stemperare gli animi e riportarlo alla calma. Improvvisamente, infatti, mentre si trovava sulla rampa delle scale di casa, l’uomo si è scagliato con violenza contro i carabinieri, spingendoli con forza.

Questi si erano frapposti tra lui e la moglie, che aveva accanto la figlioletta, proprio per evitare il contatto. Dopo aver fatto cadere uno dei militari, che fortunatamente non ha riportato lesioni, l’operaio si è allontanato in fretta, per essere però immediatamente inseguito e bloccato a pochi metri dall’abitazione.

L’uomo pertanto è stato tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità. E’ stato accompagnato presso l’abitazione della madre, dov’è sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, a disposizione del pm di turno, Massimilano Carducci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lite in casa, poi spinge carabiniere dalle scale: finisce in manette

LeccePrima è in caricamento