Cronaca

Pazienti talassemici per sangue infetto: il governo paga il danno morale

Per l'esecuzione della sentenza della Corte di Strasburgo è stato necessario un atto di diffida dell'avvocato Paola Perrone al Comitato dei ministri d'Europa

La sede della Cedu, a Strasburgo (@TM News/Infophoto).

LECCE – Il governo italiano ha versato una cifra tra i 20 e i 30mila euro a seconda dei casi - ai 24 pazienti salentini talassemici a causa di trasfusioni con sangue infetto nei primi anni ’90. La liquidazione del danno morale è avvenuta il 5 settembre.

E’ stata necessaria la presentazione di un atto di diffida da parte dell’avvocato Paola Perrone al Comitato dei ministri d’Europa e la conseguente nomina di un agente governativo per l’esecuzione della sentenza con la quale la Corte Europea dei diritti dell’uomo, a gennaio, ha condannato l’Italia.

In quel procedimento i pazienti italiani interessati erano 375: provenienti da diverse regioni italiane, hanno contratto patologie come l’Aids e l’epatite B e C. Resta in piedi la questione dell’equa riparazione: ad agosto il ministero della Salute ha aperto la fase transattiva nei confronti di coloro che hanno presentato ricorso alla corte di Strasburgo per la somma di 100mila euro ciascuno. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pazienti talassemici per sangue infetto: il governo paga il danno morale

LeccePrima è in caricamento