Cronaca Via XXIV Maggio

Rapinatori nella villetta, nastro isolante sulla bocca della ragazzina

E' successo a Magliano. Vittima la famiglia del presidente del Consiglio di Carmiano. Erano in due, la madre della 11enne ha dovuto consegnare soldi e monili

Magliano, via XXIV Maggio (foto di Antonio Quarta).

CARMIANO -  La mamma era nel vialetto attiguo alla villetta. Non s’è accorta di nulla. Non subito. Il padre ancora non era rientrato. Dentro casa c’era solo la figlia, di appena 11 anni. Volevano soldi e oggetti preziosi, i due malviventi che hanno fatto irruzione questa sera in una villetta di Magliano, frazione di Carmiano, in via XXIV Maggio. E’ quella in cui risiede con la sua famiglia Daniele Carrozzo, 46enne, imprenditore attivo in politica: attualmente riveste l’incarico di presidente del Consiglio comunale.

Tutto è durato uno spazio di tempo molto esiguo. Pochi minuti. Il necessario per mettere a segno un colpo giocato sull’effetto della sorpresa e della paura. Volti coperti, una pistola, e poi dentro la villetta. Quando hanno visto la ragazzina, con del nastro isolante le hanno chiuso la bocca, impedendole di urlare. E appena la madre è entrata in casa, s’è trovata di fronte a una scena da incubo. I due non avevano alcuna intenzione di sostare a lungo. Volevano i soldi, e subito. Le hanno intimato di consegnare quello che aveva. hanno così preso una cospicua somma di denaro, qualche monile e poi si sono subito dileguati, a piedi.

Via XXIV Maggio è all’estrema periferia di Magliano. Davanti e a accanto alla villetta, altre abitazioni basse e qualche palazzina. Alle spalle, ettari ed ettari di campagne, intervallate da qualche stradina interpoderale, fino a Rione Riesci, agglomerato che fa capo ad Arnesano. I due potrebbero essere fuggiti in qualsiasi punto, approfittando del buio. Tutto il fatto s’è consumato, infatti, quando ormai si erano fatte le 20 di sera. Una brutta vicenda, che sembra ricordare quanto avvenuto nel marzo del 2015, quando a Carmiano, in via Milano, in tre fecero irruzione nella villetta di un altro imprenditore, immobilizzarono una donna e si dileguarono con oggetti preziosi e denaro.

Per le vittime è stato uno spavento indecifrabile, ma per fortuna né la ragazzina, né la madre, hanno subito percosse. I rapinatori si sono guardati bene dall’andare oltre a quel momentaneo “imbavagliamento”, che comunque deve aver procurato non poca agitazione. Ma avevano fretta di prendere quanto possibile, subito, e sparire dalla circolazione prima che qualcuno si accorgesse dell'irruzione. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Norm della compagnia di Campi Salentina, diretti dal capitano Alan Trucchi, e della stazione di Carmiano, i quali stanno valutando in queste ore gli elementi che hanno acquisito. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinatori nella villetta, nastro isolante sulla bocca della ragazzina

LeccePrima è in caricamento