Fornitura elettrica, promessi rimborsi. Ma è una truffa per avere dati e codici

Enel segnala l'ennesimo tentativo di raggiro in atto sulla rete. Con la prospettiva di un credito si punta ad accedere ai dati delle carte personali

LECCE – Nessuna società del gruppo Enel ha inviato una mail con oggetto presunti rimborsi a favore dei clienti. Per quanto la prospettiva di un credito da riscuotere sia allettante, la verità è che si tratta di un tentativo di truffa.

Con una nota, l’azienda ha segnalato l’ennesimo tentativo di raggiro realizzato da ignoti attraverso un sito di pishing, finalizzato cioè alla raccolta di dati personali, tra i quali quelli delle carte di credito o debito che costituiscono il vero obiettivo della truffa.

Enel ha già chiesto alle autorità competenti di procedere alla chiusura del sito in questione ma, intanto, ribadisce le consuete raccomandazioni in casi come questo: in caso di ricezione di mail sospetta, non si devono aprire link presenti all’interno, né scaricare allegati. In caso di dubbi o di sospetti contattare il numero verde 800.900.860 e il sito www.enel.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

  • In moto da cross si scontra su un'auto, un 14enne in codice rosso

  • Vino adulterato: dopo i sigilli in estate, maxi sequestro probatorio

  • Violento scontro fra auto: un uomo d’urgenza in ospedale con un trauma alla schiena

Torna su
LeccePrima è in caricamento