Cronaca

Malore a soli 43 anni dopo un allenamento: muore un agente di polizia

Fabio Pegoraro lavorava a Bari, ma era di Lequile. Oggi i funerali. Dal sindacato Fsp una raccolta di fondi per la famiglia

Foto da Facebook.

LEQUILE – Si è accasciato nello spogliatoio del Centro polifunzionale della Polizia, a Bari, città dove prestava servizio, subito dopo aver terminato un allenamento. Una morte fulminate, improvvisa, di sicuro inattesa. Fabio Pegoraro aveva soltanto 43 anni. Nel capoluogo pugliese era operativo presso la Sezione volanti della Questura. Ma lui era di Lequile e nel suo paese, oggi, alle 17,30, si sono svolti i funerali. In tanti hanno voluto rendere l’ultimo saluto all’amico e collega nella parrocchia Spirito Santo di via Carducci, nel comune alle porte di Lecce.

Sgomento, nella famiglia, quando ha appreso la notizia, e fra gli agenti che invano attendevano il suo arrivo sul posto di lavoro. Sono stati proprio alcuni suoi colleghi fra i primi a fare l’angosciante scoperta, recandosi negli spogliatoi del Centro, per capire se fosse accaduto qualcosa che giustificasse il ritardo di Fabio nel prendere servizio. Scoprendo così che il suo cuore si era fermato all’improvviso dopo una corsa, nel pieno della mattina di ieri. I soccorsi si sono rivelati inutili.

La notizia s’è poi sparsa in sordina nella cerchia, fin da ieri, generando stupore e angoscia. Fabio Pegoraro lascia moglie e due figli. E ora il sindacato Fsp Polizia, tramite il segretario regionale, Giuseppe Galati, ha deciso di avviare una raccolta di fondi. Saranno rivolti proprio alla sua famiglia. Un gesto sentito, per manifestare in maniera concreta la vicinanza, in un momento di profondo dolore.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malore a soli 43 anni dopo un allenamento: muore un agente di polizia

LeccePrima è in caricamento