Malore fatale mentre passeggia in acqua. Muore un turista campano a Rivabella

Nulla da fare per un 83nne originario di Torre del Greco che ha perso la vita probabilmente per un arresto cardiaco mentre si trovava in spiaggia. Inutili i tentativi di rianimazione. Utilizzato anche il defibrillatore in dotazione ad un lido. Sul posto 118 e capitaneria

GALLIPOLI – La tragedia si è consumata nella tarda mattinata nei pressi dello specchio d’acqua del litorale di Rivabella a poche decine di metri dalla battigia. Un malore fatale mentre era al mare con la famiglia non ha lasciato purtroppo scampo ad un turista campano, L.S. originario di Torre del Greco, di 83 anni, che haperso ala vita mentre passeggiava tranquillamente a circa una quarantina di centimetri dal bagnasciuga. L’uomo si era recato nel tratto della spiaggia libera della marina gallipolina con la famiglia per trascorrere una nuova giornata al mare, dopo alcuni giorni di riposo forzato dovuto al maltempo.

Da quanto raccontato da alcuni testimoni il turista napoletano stava passeggiando, come sua consuetudine lungo la riva, a pochi metri di distanza dal vicino stabilimento La Bussola, quando ad un certo punto è stato visto cadere in acqua in maniera irrituale. Tra i primi ad accorgersi che qualcosa stava succedendo, a pochi metri dalla battigia, è stato il bagnino del lido che insieme ad altri bagnanti si è adoperato per intervenire e prestare soccorso.

Praticate subito le manovre di rianimazione e a supporto è arrivato anche un medico che si trovava in spiaggia. Si è cercato di fare tutto il possibile per far riprendere l’uomo, che colto probabilmente da un arresto cardiaco, non dava più segni di vita. Utilizzato anche il defibrillatore in dotazione alla struttura balneare, ma senza, purtroppo, alcun riscontro positivo. Nel contempo è sopraggiunta anche una ambulanza del servizio di emergenza del 118 e il personale della capitaneria di porto di Gallipoli. Per il turista campano però non c’è stato nulla da fare. Trasportato presso la camera mortuaria dell’ospedale Vito Fazzi, il corpo, su disposizione dell’autorità giudiziaria è stato poi restituito alla famiglia.                             

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento