rotate-mobile
Cronaca Patù

Maltrattamenti a un anziano disabile: nove anni e mezzo a moglie e figlia

La giudice Maria Francesca Mariano ha ritenuto le due donne responsabili di ripetuti soprusi avvenuti tra le mura domestiche sin dal 2014 ai danni del familiare

PATU' - E’ terminata con due condanne la vicenda sulle presunte angherie che un anziano di Patù con problemi di deambulazione, avrebbe subito per anni tra le mura domestiche. A infliggerle è stata la giudice Maria Francesca Mariano che ha riconosciuto moglie e figlia, responsabili del reato di maltrattamenti. La prima ha rimediato quattro anni e mezzo di reclusione, l’altra cinque tondi.
Alle due donne ( difese dall’avvocato Cosimo Casaluci) è stato imposto anche un immediato risarcimento del danno per 5mila euro al figlio dell’uomo nel frattempo deceduto (parte civile con l’avvocato Federico Martella), mentre il resto sarà liquidato in separata sede.
Stando all’accusa, sin dal 2014, il malcapitato sarebbe stato continuamente offeso e denigrato con frasi del tipo “vai a cuccia”, “storpio”, “invalido”.
Non appena la difesa finirà di visionare le motivazioni (depositate contestualmente al dispositivo), sarà valutato il ricorso in appello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltrattamenti a un anziano disabile: nove anni e mezzo a moglie e figlia

LeccePrima è in caricamento