Cronaca

Polizia e vigili del fuoco protestano contro la legge di stabilità. Manifestazione in prefettura

I sindacati hanno incontrato il capo di gabinetto Aprea per avanzare alcune rivendicazioni in nome della dignità professionale: sblocco del tetto salariale, revisione del modello di sicurezza, legge delega per il riordino delle carriere

LECCE - I rappresentanti sindacati delle forze di polizia e dei vigili del fuoco hanno manifestato questa mattina, nonostante il maltempo, dinnanzi alla prefettura di Lecce per aderire alla manifestazione nazionale che si è tenuta a Roma davanti a Palazzo Chigi, per protestare contro il disegno di legge di stabilità.

Una delegazione di tutte organizzazioni sindacali del comparto – Fns Cisl Lecce, Siulp, Sap, Siap, Silp-Cgil, Ugl, Coisp, Uil, Consap, associazione nazionale funzionari di Polizia, Sappe, Osapp, Sinappe, Sapaf, Conapo, Confsal, Dirstat, ha incontrato, Guido Aprea, capo di gabinetto prefettizio al quale i segretari hanno avanzato le proprie richieste.

“I sindacati – come afferma Sergio Scalzo della Fns Cisl - rivendicano la difesa della dignità professionale e della specificità funzionale degli operatori del settore e per la difesa del diritto dei cittadini ad avere una sicurezza ed un soccorso pubblico efficiente e qualificato, all'altezza di un Paese civile”.

“Con questa giornata di protesta - aggiunge  Fabio Saladino della Siulp - i sindacati delle forze di polizia denunciano le scelte che il governo si appresta a far approvare con il disegno di  legge di stabilità in discussione in Parlamento e che richiedono un tempestivo ed immediato intervento parlamentare di modifica”.

Queste le richieste principali avanzate all’esecutivo: lo sblocco del "tetto salariale" che consenta il superamento dell'attuale normativa e dei suoi effetti dannosi ed iniqui per il personale con il recupero delle risorse economiche per consentire il pagamento degli assegni perequativi e delle progressioni automatiche (una-tantum). 

La revisione del modello di sicurezza, dei presidi di polizia e del soccorso pubblico sul territorio, che potrebbero comportare una riduzione della spesa ed una razionalizzazione nell'impiego delle risorse pubbliche oltre che una maggiore efficienza ed efficacia del servizio e più sicurezza per i cittadini; una legge delega per un riordino ordinamentale delle carriere del personale efficace e coerente con un nuovo modello di sicurezza e che valorizzi la professionalità  dell'operatore di polizia e dei vigili del fuoco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia e vigili del fuoco protestano contro la legge di stabilità. Manifestazione in prefettura

LeccePrima è in caricamento