Manifesto stracciato e scritte contro la Lega. Irruzione nel comitato elettorale

Atto vandalico nella notte in via Ancora da parte di ignoti che hanno preso di mira la sede di Dino Basile, candidato alle regionali nella lista di Fratelli d’Italia. Indagano i carabinieri

STERNATIA - Gesto vandalico nella notte scorsa presso il comitato elettorale di Sternatia del candidato al consiglio regionale, nella lista di Fratelli d’Italia, Dino Basile, originario di Porto Cesareo. Da quanto appurato dai carabinieri della stazione di Soleto e della compagnia di Maglie, ignoti nel cuore della notte hanno raggiunto la sede del comitato politico, al civico 19 di via Brigida Ancora, e dopo aver lacerato il manifesto di propaganda elettorale affisso sul portone d’ingresso, hanno poi pensato bene di imbrattare, con scritte varie, i muri adiacenti.

Con l’uso di un pennarello nero è stata realizzata, sulla parete sinistra del comitato, la scritta “Sternatia non si Lega” (riporta nella foto a corredo dell’articolo), oltre a simboli anarchici e ad un’ulteriore scritta, sui vetri e sulle ante della porta d’ingresso della sede, con la dicitura “Sternatia Antifa”. E’ in corso di formalizzazione la denuncia per danneggiamento da parte del candidato Dino Basile mentre proseguono le indagini avviate dai carabinieri per risalire agli autori dell’atto vandalico.

Il sindaco di Porto Cesareo, Salvatore Albano, tra i primi politici a manifestare la sua solidarietà nei confronti del suo concittadino candidato alle regionali. “Stanotte qualcuno ha imbrattato la sede di Sternatia del comitato elettorale del concittadino Dino Basile, candidato consigliere regionale per Raffaele Fitto presidente” commenta Albano, “esprimo massima solidarietà all'amico Dino. Non sono tali vili gesti a garantire democrazia e libero pensiero. Prendiamo le distanze da queste manifestazioni di basso profilo, ribadendo la vicinanza a Cataldo Basile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • La coperta prende fuoco, anziano muore per ustioni: è il padre del segretario nazionale del Sap

Torna su
LeccePrima è in caricamento