menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

“Manolesta” ruba un telefono dalla trattoria: incastrato dagli slip rossi

Un 22enne del Gambia arrestato dalla polizia dopo la mezzanotte: si è impossessato di un i-Phone mentre una coppia era a cena

LECCE – Furti in città: scattano un arresto e una denuncia nel giro di poche ore. Il caso più recente intorno a mezzanotte, quando una telefonata da parte di un cittadino, giunta al numero di pronto intervento, ha denunciato un furto appena subito. Un uomo, infatti, che si trovava seduto ai tavoli esterni di una nota braceria di via Taranto, ha visto rubare il cellulare dell’amica con cui stava cenando, da un individuo straniero.

Ai poliziotti sopraggiunti, il malcapitato ha spiegato di essere rimasto vittima del furto di un i-Phone 7, del valore di circa 850 euro e ha fornito la descrizione dei tratti somatici del ladro.  Gli agenti si sono messi sulle sue tracce e, nelle vicinanze, hanno identificato un ragazzo africano. Nonostante perquisizione immediata non abbia consentito di rinvenire alcun cellulare, il giovane straniero è stato condotto negli uffici della questura. Intanto, i poliziotti delle volanti hanno visionato i filmati del sistema di videosorveglianza del locale: i filmati hanno nitidamente ritratto l’uomo al momento del furto. A renderlo riconoscibile, gli slip di colore rosso che fuoriuscivano dai pantaloni.

M. D., un 22enne del Gambia, riconosciuto come autore del furto anche dalla ragazza presente a cena con il denunciante è stato tratto in arresto per furto aggravato. Nello stesso pomeriggio, sempre in città, una donna ucraina di 37 anni è stata denunciata per aver rubato merce del valore di appena 30 euro. E’ accaduto in via Papa Giovanni II, presso il negozio “Oviesse”, all’interno del centro commerciale “Centrum”.

E’ stata un’addetta alla vigilanza a notare la donna che si aggirava, tra i camerini, con fare sospetto. Avrebbe portato con sé, all’interno delle cabine prova, un paio di jeans e un paio di ciabatte. Poi avrebbe prelevato altre ciabatte simili, portandole sempre nel camerino. E’ stato immediatamente chiesto l’intervento di una volante, nel frattempo l’addetta alla vigilanza ha continuato a seguire la donna, senza mai perderla di vista, fino a quando ha superato senza problemi la barriera antitaccheggio senza che si azionasse l’allarme: aveva infatti staccato le etichette per poter uscire tranquillamente. Ma, ad attenderla all’esterno, ha trovato una volante che una volta identificata la donna, ha provveduto a denunciarla per furto aggravato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento