“Mare Sicuro”, ancora occupazioni abusive: sequestrati ombrelloni e lettini

L’attività della guardia costiera ha portato alla liberazione di 140 metri quadri di spiaggia occupata senza titolo a Torre San Giovanni, Punta Prosciutto e Spiaggiabella. A Patù sigilli ad una pedana per la discesa in mare

UGENTO - Prosegue l’attività quotidiana di perlustrazione e controllo dei militari della guardia costiera, nell’abito dell’operazione estiva “Mare Sicuro” e che ha consentito di restituire alla fruizione pubblica tre aree demaniali occupate abusivamente con sdraio, ombrelloni e lettini. Le attività distinte hanno interessato i litorali di Ugento, di Punta Prosciutto e di Spiaggiabella ed hanno permesso di liberare  una area, per complessivi 1400 metri quadri, che era stata occupata da privati, in maniera esclusiva, e secondo i rilievi del personale della capitaneria di porto di Gallipoli senza alcun titolo concessorio o autorizzativo.   

Nello specifico i militari sono intervenuti, nelle prime ore del mattino, a Torre San Giovanni, la marina di Ugento, dove hanno accertato l’occupazione di un’area demaniale marittima adiacente ad uno stabilimento balneare. Il proprietario del lido, secondo quanto verbalizzato, aveva di fatto, aumentato l’area demaniale in concessione, occupando senza alcuna autorizzazione ulteriori 1.280 metri quadri di spiaggia libera. A seguito del riscontro è scattato anche il sequestro di 74 ombrelloni e 148 lettini. Per il titolare del lido è scattata la segnalazione all’autorità giudiziaria.

Un analoga attività di sequestro è stata effettuata anche dal personale dell’Ufficio locale marittimo di San Cataldo, in località Spiaggiabella, che dal personale dell’Ufficio locale marittimo di Torre Cesarea, nella zona ionica di Punta Prosciutto. Anche in questi due  casi, secondo quanto accertato dalla guardia costiera, alcuni privati  si erano difatti "impossessati" di una parte della spiaggia libera, ma non avevano alcun titolo o autorizzazione per farlo.

Si tratta di due noleggiatori di attrezzature balneari che avevano posizionato le loro attrezzature senza alcun atto concessorio e senza che vi fossero gli avventori. L’attività ha portato al sequestro di altri 9 ombrelloni e 22 lettini e al deferimento all’autorità giudiziaria dei due soggetti e alla restituzione alla fruizione libera di circa 100 metri quadri di spiaggia.

Sempre nell’ambito dei controlli sul litorale, il personale dell’Ufficio locale marittimo di Santa Maria di Leuca ha posto sotto sequestro una serie di pedane realizzate da ignoti, sempre abusivamente, e collocate sul litorale di Patù in località Pozzo Pasulo. I responsabili, non ancora identificati, hanno realizzato in maniera autonoma una discesa a mare occupando circa 30 metri quadri di arenile in assenza di alcun titolo concessorio e autorizzativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Complessivamente l’operazione odierna ha portato  alla denuncia di tre persone, al sequestro di 83 ombrelloni e 170 lettini, liberando circa 1.400 metri quadri di spiaggia libera. Il comandante della capitaneria di porto di Gallipoli, Enrico Macrì, nell’assicurare che i controlli continueranno incessantemente durante tutta la stagione estiva, sensibilizza  ancora una volta tutti gli operatori del settore turistico, e i fruitori del mare, al rispetto delle norme sulla gestione delle aree demaniali marittime previste dal codice della navigazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento