Padre non dà le chiavi dell'auto, figlio in preda all'ira lo prende a pugni in faccia

Un 21enne di Martano arrestato dai carabinieri, che sono stati a loro volta minacciati e oltraggiati quando l'hanno sorpreso in centro

Foto di repertorio.

MARTANO – Lesioni personali, tentata estorsione e maltrattamenti in famiglia. Sono le pesanti accuse rivolte a un 21enne di Martano. E neanche tutte: vi sono, infatti, da aggiungere, anche gli ulteriori deferimenti per oltraggio e minaccia a pubblico ufficiale. Quando è stato necessario l'intervento dei carabinieri, infttti, Andrea Guido, giovane agente assicurativo, avrebbe continuato a dare in escandescenza. Con parole piuttosto grosse.

E così Guido è finito in carcere, dopo quanto avvenuto nel corso di una nottata a dir poco folle. Ad andarci di mezzo, infatti, prima dei carabinieri, verso i quali si sarebbe espresso con toni minacciosi, è stato il padre, vittima di qualcosa di più: un pestaggio in due round, neanche si fosse sul ring. Tutto questo, per un banale motivo: le chiavi dell’automobile negate al figlio, che intendeva uscire.

Tanto, dunque, sarebbe stato sufficiente a far scattare prima la classica lite, poi qualcosa di più: pugni sul volto dell’uomo, che gli hanno provocato un trauma contusivo. Insomma, la situazione è letteralmente degenerata. Ma lì per lì, l'uomo ha probabilmente lasciato correre. 

Il giovane alla fine è uscito, ma, non appena rientrato a casa, a tarda ora, ecco che la discussione s’è riaccesa ed ecco, stando al racconto dell’uomo, anche una nuova aggressione. Il secondo round, insomma. Ed è stato a quel punto necessario l’intervento dei carabinieri per evitare peggiori conseguenze. L’uomo, disperato, ha deciso di contattarli e quando sono arrivati, Guido è fuggito verso il centro.

I militari l’hanno però rintracciato poco dopo. E l’ira del 20enne non si è placata nemmeno una volta braccato. Durante l’intervento, infatti, avrebbe pronunciato frasi gravemente oltraggiose e minacciose nei riguardi dei militari, che così l’hanno ulteriormente denunciato. Il pm di turno, Donatina Buffelli, ha disposto che il giovane fosse condotto in cella, a Borgo San Nicola, per smaltire un po' di rabbia dietro le sbarre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

Torna su
LeccePrima è in caricamento