Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Materiale pedopornografico nel pc, l'imbianchino confessa e ottiene i domiciliari

Ha lasciato il carcere di Borgo San Nicola G.P., l'imbianchino 42enne di Calimera finito in manette tre giorni fa con l'accusa di detenzione di materiale pedopornografico aggravato dall'ingente quantità. L'uomo, alla presenza dell'avvocato difensore Tommaso Gabrieli, ha confessato dinanzi al gip Cinzia Vergine

LECCE - Ha lasciato il carcere di Borgo San Nicola G.P., l'imbianchino 42enne di Calimera finito in manette tre giorni fa con l'accusa di detenzione di materiale pedopornografico aggravato dall'ingente quantità. L'uomo, alla presenza dell'avvocato difensore Tommaso Gabrieli, ha confessato dinanzi al gip (giudice per le indagini preliminari) Cinzia Vergine che questa mattina l'ha raggiunto in carcere per l'interrogatorio. L'indagato ha risposto a tutte le domande. Ha ammesso di aver scaricato lui da internet migliaia di file, tra video e foto, con bambini e bambine trovati nel pc e in alcuni cd, durante la perquisizione svolta nella sua abitazione dagli agenti della Polizia postale di Roma. Avrebbe iniziato a farlo per curiosità, ma poi la sua sarebbe diventata un'ossessione.

Al termine dell'interrogatorio, il giudice ha convalidato l'arresto, concedendo all'imbianchino la misura meno restrittiva dei domiciliari (come richiesto dallo stesso pubblico ministero Maria Vallefuoco). E' stata dunque respinta l'istanza dell'avvocato Gabrieli che, anche alla luce dell'atteggiamento collaborativo del 42enne, aveva provato a fargli ottenere la libertà. Il legale ha già annunciato che, nei prossimi giorni, ricorrerà al Tribunale del Riesame.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Materiale pedopornografico nel pc, l'imbianchino confessa e ottiene i domiciliari

LeccePrima è in caricamento