rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Matino

Apre il pub con i soldi pubblici, dopo otto mesi chiude. Denunciato

Con l'agevolazione per le microimprese becca dallo Stato 90mila euro, ma una volta ottenuto il denaro lavora meno di un anno. Stando alle legge non avrebbe potuto abbassare definitivamente la saracinesca prima di 5 anni

 

MATINO – Percepisce attraverso l’agevolazione per le microimprese un finanziamento pubblico di 90mila euro, ma una volta ottenuto il denaro per aprire il suo pub vi lavora dentro solo 8 mesi, mentre, stando alle legge, non avrebbe potuto abbassare definitivamente la saracinesca prima di 5 anni di attività. Ed ora l’imprenditore dovrà rispondere di truffa aggravata. La denuncia è scatta da parte dei finanzieri della compagnia di Gallipoli, i quali hanno svolto le indagini nei confronti del gestore di un pub a Matino. L’imprenditore aveva beneficiato di un finanziamento pubblico di circa 90mila euro, a seguito della quale è stato accertato che, dopo aver percepito l’agevolazione in forma di microimpresa, avrebbe esercitato l’attività commerciale per soli  8 mesi.

Il gestore del locale è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, in quanto, dalla data della delibera di ammissione all’agevolazione (22.12.2005) alla data di cessazione dell’attività (1.10.2008), non  erano trascorsi almeno 5 anni. Inoltre, il responsabile è stato segnalato alla Procura Regionale della Corte dei Conti di Bari per responsabilità amministrativo-contabile, potendosi configurare un danno erariale pari a circa 90mila euro.

A seguito di attività ispettiva di natura tributaria, sono state accertate anche violazioni di carattere fiscale, relative all’omessa istituzione delle scritture contabili ed all’omessa presentazione delle dichiarazioni ai fini delle Imposte dirette ed Iva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apre il pub con i soldi pubblici, dopo otto mesi chiude. Denunciato

LeccePrima è in caricamento