Cronaca

Maxi cartella esattoriale da 86mila euro, illegittima per la commissione tributaria

Annullata dalla Commissione tributaria provinciale di Lecce la cartella esattoriale per la Tarsu perchè il regolamento Comunale era stato ritenuto illegittimo dal Tar Lecce. La Ctp ha accolto il ricorso presentato dall'avvocato Maurizio Villani, annullando totalmente la cartella di pagamento

LECCE – Avevano ricevuto una maxi cartella esattoriale, iscritta al ruolo dal Comune di Gallipoli, di oltre 86mila euro. Da lì il ricorso alla Commissione tributaria provinciale che l’ha annullata con la sentenza numero 3276 del 2014. La Ctp di Lecce, infatti, ha accolto il ricorso presentato dall'avvocato Maurizio Villani il 25 gennaio del 2013, annullando totalmente la cartella di pagamento Tarsu relativi all’anno 2011 per l'esorbitante importo di 86.299,88  notificata il 26 novembre del 2012 al Costa Brada s.r.l.

La sentenza, sottolinea Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti", è importante perché ritiene nulla la richiesta di pagamento Tarsu fondata su un regolamento comunale che il Tar di Lecce, con sentenza numero 2183 del 24 ottobre del 2012, ha ritenuto illegittimo.

In particolare, i giudici tributari hanno evidenziato che “il provvedimento impugnato era stato emesso in aperta violazione dei principi amministrativi che regolano e giustificano l'azione della pubblica amministrazione nonché in violazione dell'art. 68 del decreto legislativo 507/93”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi cartella esattoriale da 86mila euro, illegittima per la commissione tributaria

LeccePrima è in caricamento