Maxi incendio divora ettari di canneto e lambisce le strutture ricettive

Vigili del fuoco a lavoro con tre squadre per diverse ore nella zona di Torre dell'Orso. Le fiamme alimentata da vento e spazzatura

MELENDUGNO – Il dolo è un sospetto, non una certezza, ma è chiaro che con il freddo improvviso di questi ultimi giorni è difficile pensare a casi fortuiti e men che meno ad autocombustione. Di certo, decine e decine di ettari di canneto e sterpaglia sono andati a fuoco, a partire dalla tarda mattinata di oggi nella zona di Torre dell’Orso, marina di Melendugno, con un intervento dei vigili del fuoco che s’è protratto fino a pomeriggio inoltrato. E se il caldo sta tardano ad arrivare (o, almeno, sembrava arrivato per poi andare a nascondersi), la stagione dei grandi roghi sembra aver bussato alle porte con largo anticipo.

Ben tre le squadre al lavoro, due da Lecce e una da Maglie, per contenere le fiamme, che hanno avuto una diffusione tale da arrivare a lambire diverse strutture turistiche, come i resort La Brunese e Barone di Mare, raggiungendo anche quasi le soglie delle abitazioni del villaggio di Torre Saracena.

IMG-20170420-WA0017_1492703477319-2Il fuoco, in sostanza, si è esteso dalla periferia sud di Torre dell’Orso, dove passa il ruscello Brunese, fin nelle campagne inoltrate. E il vento ha reso più difficili le operazioni di spegnimento, anche perché aiutato dall’incuria e dallo scarso impegno dell’uomo in fatto di prevenzione. Nessuna fascia tagliafuoco e rifiuti ammonticchiati ovunque fra le strade, anche all’interno del villaggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se tutto questo fosse accaduto in estate, vi sarebbe stato il solito problema di dover evacuare un’area che fra giugno e settembre è densamente popolata e far spostare decine di autovetture. Tutto oggi s'è risolto senza danni, feriti o intossicati, ma è chiaro che, fin quando non si adottaranno tutte le misure necessarie per limitare i roghi, se non proprio soffocarli sul nascere, si continuerà a fare la conta di incendi boschivi da primavera fino alla fine dell'estate. Sperando sempre che non accada qualche tragedia, come avvenne a Peschici in un fatidico luglio del 2007. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento