Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Otranto

Dai Balcani verso il Salento con marijuana per 700mila euro: arrestati due scafisti

I finanzieri hanno fermato un 18enne e un 46enne, entrambi di Durazzo, con una carico di 80 chili di droga sul gommone. Le manette dopo l'inseguimento nel Canale d'Otranto

La droga sequestrata nelle ultime ore

OTRANTO – Marijuana del valore di 700mila euro era in viaggio nell’Adriatico, diretta sulla costa salentina. Ennesimo maxi sequestro, nelle ultime ore, da parte della guardia di finanza. Soltanto al termine di uno spericolato inseguimento in mare, i militari del Reparto aeronavale delle fiamme gialle di Bari hanno fermato due trafficanti di nazionalità albanese. E’ accaduto nella giornata di ieri, in pieno giorno, in una domenica dalle condizioni meteo promettenti: i trafficanti trasportavano quasi un quintale di stupefacente, pensando forse di mimetizzarsi tra i numerosi diportisti che affollano lo specchio d’acqua adriatico nelle ultime, giornate d’estate. Ma non avevano fatto i conti con gli uomini coordinati dal colonnello Maurizio Muscarà. I militari, durante la quotidiana attività di controllo nel Canale d’Otranto, li hanno intercettati.

Viaggiavano a bordo di un gommone, a velocità sostenuta in direzione del litorale salentino. Da un controllo più ravvicinato, sono emersi anche i tipici involucri in cui vengono imballati i quantitativi di “erba”. Alla vista delle motovedette dei finanzieri, i due individui hanno tentato la fuga senza neppure disfarsi della droga. Sono stati inseguiti fino a quando, ormai in trappola, i finanzieri sono saliti a bordo del gommone. I pacchi, come sospettato, erano carichi di sostanza stupefacente. Il gommone e i due scafisti sono stati condotti presso gli ormeggi della Sezione operativa navale di Brindisi. Si tratta di K. B., di 46 anni,  e di T.V., 18enne, entrambi di Durazzo.foto gommone-4-4

Sono stati quindi arrestati per detenzione e traffico di stupefacenti su disposizione della autorità giudiziaria. Il gommone, di circa 5 metri e dotato di due motori, battente bandiera italiana ma privo di documenti, è stato sottoposto a sequestro. Analoga sorte per lo stupefacente, pari a 80 chili di marijuana, confezionato in 11 pacchi, che nelle piazze di spaccio avrebbe fruttato cifre da capogiro all’organizzazione criminale. Nel corso dell’operazione è stata preziosa la collaborazione con le autorità di polizia albanesi e con il Nucleo di frontiera marittima, un reparto delle fiamme gialle operante stabilmente a Durazzo, in virtù di accordi internazionali. Ed è proprio su tale collaborazione internazionale che si farà affidamento per meglio individuare fornitori e destinatari dell’illecita spedizione. Sale così a cinque il numero dei grossi sequestri di droga effettuati dai finanzieri nelle acque del basso Adriatico nell’ultimo mese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai Balcani verso il Salento con marijuana per 700mila euro: arrestati due scafisti

LeccePrima è in caricamento