Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

In barca senza autorizzazione. Sequestrati e dati in beneficenza 3 quintali di pesce

I militari della capitaneria di porto di Gallipoli hanno donato a due cooperative sociali di Alessano e Tricase un'ingente quantità di pesce spada, trovato su una barca nel porto di Leuca. Il comandante del peschereccio dovrà pagare una multa di 4mila euro, per non essersi attenuto alla normativa europea

Un momento del sequestro

SANTA MARIA DI LEUCA (Castrignano del Capo) – Oltre ai 300 chilogrammi di pesce spada, a finire nella rete sono stati anche i pescatori. Nella giornata di ieri, infatti, i militari della capitaneria di porto di Gallipoli, assieme ai colleghi dell’Ufficio marittimo di Santa Maria di Leuca e al personale dell’Ufficio circondariale di Otranto, hanno eseguito un controllo all’interno del porto di Leuca, dove hanno rinvenuto prodotti ittici non a norma.

Il comandante dei uno pescherecci ispezionati dovrà pagare una sanzione di quattromila euro, a causa delle irregolarità riscontrate dai militari. L’uomo non ha infatti rispettato i dettami previsti dalla normativa europea per l’attività di pesca, nè ottenere alcuna autorizzazione dalla capitaneria di porto. Tutto il pesce prelevato, ritenuto idoneo al consumo umano da parte delle autorità sanitarie, è stato devoluto in beneficenza a due diverse cooperative sociali con sede a Tricase ed Alessano. 

Per le irregolarità commesse, inoltre, al comandante del peschereccio e al titolare della licenza di pesca, sono stati assegnati sei punti di penalità. L’assegnazione dei punti previsti dal nuovo decreto legislativo sulla pesca marittima comporta, al raggiungimento di specifici limiti, la sospensione o la revoca della stessa licenza. La capitaneria di porto e la guardia costiera di Gallipoli invitano eventuali testimoni di attività illecite perpetrate a danno dell’ambiente costiero e marino, a segnalare tempestivamente ogni eventuale notizia al numero 0833266862.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In barca senza autorizzazione. Sequestrati e dati in beneficenza 3 quintali di pesce

LeccePrima è in caricamento