Cronaca

Non versava somme all'Asl, medico ortopedico denunciato per peculato

La guardia di finanza della tenenza di Casarano ha deferito alla Procura uno specialista dipendente dell'Asl che esercitava in regime d'intramoenia allargata, senza però emettere le parcelle che attestavano le visite ai pazienti

Foto LeccePrima (tutti i diritti riservati).

 

CASARANO – Un medico ortopedico 60enne, originario della zona di Casarano, è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Lecce, con l’accusa di peculato. Il servizio è stato svolto dalla guardia di finanza della tenenza di Casarano e fa seguito a quelle dei giorni scorsi, in cui, per fatti analoghi, è stato deferito un oculista salentino. Secondo quanto accertato al momento dai militari delle “fiamme gialle”, il medico, dipendente di un presidio ospedaliero, era autorizzato a svolgere l’attività libero professionale presso il proprio studio privato (la cosiddetta intramoenia allargata), e tuttavia, non avrebbe versato all’Asl di competenza le somme incassate dai pazienti.

Dalle indagini condotte dai militari, è emerso che il professionista, che opera in una zona compresa fra Casarano e Taurisano, avrebbe riscosso il pagamento di visite specialistiche cui erano stati sottoposti alcuni pazienti, senza però emettere le parcelle che attestavano le visite mediche intramoenia e, pertanto, senza versare la quota parte di spettanza dell’Azienda sanitaria locale. 

Il contratto tra l’Asl e i professionisti che esercitano l'attività di intramoenia allargata, prevede che al medico spetti una percentuale di circa il 75 per cento delle somme incassate, mentre la restante parte del 25 per cento è di spettanza dell'Azienda sanitaria. Il professionista sarà anche segnalato alla Corte dei conti per il recupero delle some che hanno prodotto un danno erariale. Quote che si aggirano a qualche migliaio di euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non versava somme all'Asl, medico ortopedico denunciato per peculato

LeccePrima è in caricamento