Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

meglio perdere un minuto che la vita in un minuto

Iniziativa dei giovani del circolo di Nardò di Alleanza nazionale: immagini di forte impatto visivo per sensibilizzare gli automobilisti sul dramma delle morti in incidenti stradali

I ragazzi di An mentre distribuiscono i volantini

"La triste coincidenza di eventi mortali che sta caratterizzando l'estate 2007 e che si accoda ad una vera mattanza, ad un eccidio silenzioso che falcia migliaia di vite, ha spinto il gruppo di Alleanza nazionale e di Azione giovani di Nardò ad avviare una campagna di sensibilizzazione sul tema della sicurezza stradale". I giovani del circolo locale, in una nota, hanno illustrato la loro iniziativa. "Nella notte di Ferragosto - dall'una fino alla prima mattinata - gli attivisti hanno distribuito del materiale informativo di forte impatto nei pressi di luoghi di ritrovo frequentati soprattutto da giovani: discoteca Casablanca, piazzetta di Santa Caterina, Oasi Quattro Colonne, discoteca Rio Bò e discoteca Quartiere Latino".

"Si è trattato di un volantino raffigurante immagini di cronaca: uno scooter per terra ed un casco abbandonato, un'auto ridotta ad un ammasso di lamiere, un cadavere coperto da un lenzuolo bianco. Immagini dure accompagnate dalla frase: "quando sei al volante non avere fretta, l'incidente non è una fatalità!" ed un invito esplicito al rispetto delle regole, della propria vita e di quella degli altri".

"L'iniziativa è stata fortemente apprezzata dal pubblico, che ha ricevuto anche l'opuscolo "Un'estate coi fiocchi", realizzato dal "Centro Studi e Comunicazione Ambientale Antartide". Molti gruppi di giovani si sono fermati a discutere dell'argomento e in tanti hanno conservato il materiale sul cruscotto della propria vettura, quasi un promemoria da tenere a portata di sguardo, prima di tornare a casa. L'iniziativa, realizzata su proposta del dirigente cittadino di An, Antonio Dell'Anna, è stata battezzata "meglio perdere un minuto nella vita che la vita in un minuto!"


"Non sappiamo se questa attività ha potuto evitare incidenti nella notte tra il 14 e 15 agosto - ha commentato lo stesso Antonio Dell'Anna - ma siamo certi di aver fornito a molti ragazzi e ragazze un momento di riflessione. L'opera di sensibilizzazione, visto il successo con il quale è stata accolta dal pubblico e l'impellenza di una azione culturale che svegli le coscienze, verrà ad essere riproposta anche nelle prossime notti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

meglio perdere un minuto che la vita in un minuto

LeccePrima è in caricamento