Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Terrorizzarono i commercianti con rapine in serie, ora pagheranno il conto

Sono accusati di una lunga serie di rapine a mano armata compiute nelle marine leccesi e della Grecìa Salentina nel periodo tra giugno e luglio 2013. A conclusione di un’articolata attività investigativa, alle prime luci dell’alba di oggi, i carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Lecce hanno arrestato Massimiliano Apollonio e Carmine Calogiuri

La tabaccheria di Melendugno rapinata nell'estate del 2013. Fu per i due il primo arresto.

LECCE – Sono accusati di una lunga serie di rapine a mano armata compiute nelle marine leccesi e della Grecìa Salentina nel periodo tra giugno e luglio 2013. Un breve lasso di tempo, ma intenso, per via dell’impressionante numero di colpi messi a segno uno dopo l’altro: almeno sei quelli perpetrati in danno di supermercati e distributori di benzina a Castrì di Lecce, a Uggiano la Chiesa, a Borgagne di Melendugno, a Strudà di Vernole e a Castrignano dei Greci.

Comuni presi letteralmente d’assalto dalla coppia di malviventi che, travisati e armati di fucile a canne mozze e pistola, seminarono il panico tra inermi turisti, così come avvenuto in occasione della rapina avvenuta il 18 luglio 2013, alla rivendita tabacchi di Torre dell’Orso, dove l’intervento provvidenziale di un agente fuori servizio e dei carabinieri di Melendugno permise l’arresto di Massimiliano Apollonio, 30enne di Lizzanello, e del complice Carmine Pantaleo Calogiuri, 27enne di Melendugno.

A conclusione di un’articolata attività investigativa, alle prime luci dell’alba di oggi, i carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Lecce hanno arrestato i due. Secondo gli investigatori si tratta della coppia che stava terrorizzando la Grecìa Salentina, tesi supportata da elementi e convergenze investigative su una serie di rapine avvenute con le medesime modalità delle settimane precedenti. Come un puzzle che si compone ora dopo ora, i militari hanno minuziosamente raccolto e sistemato tutti i tasselli, costruendo un solido castello accusatorio che poggia le proprie certezze investigative sulle risultanze di indagini di tipo tradizionale e di tipo forense.

APOLLONIO MASSIMILIANO-3La comparazione dei vestiti e dei passamontagna con quelli ritrovati in agro di Melendugno, ove all’interno di un trullo adibito a covo furono ritrovate buste di plastica, passamontagna, felpe prive di maniche e, non meno importante, una pianta di fico, la stessa che ha lasciato innumerevoli residui sulla Fiat Uno rubata ed utilizzata dai malviventi, che lì sotto era stata parcheggiata.

Un particolare da poco ma che, messo a sistema con altri elementi raccolti, ha consentito di stabilire con certezza che quel trullo fosse proprio la base logistica dei malviventi ove nascondersi e riorganizzarsi per nuovi colpi. Inoltre le testimonianze che, in alcuni casi, sono state davvero certosine nel rilevare piccoli ma importanti elementi, quali tatuaggi, modi di camminare, accento o particolari dell’autovettura utilizzata per il colpo, tutti puntualmente verificati e riscontrati, sono state inoltre sommate alla comparazione antropometrica delle figure registrate dai sistemi di videosorveglianza, all’analisi del Dna e la sua comparazione con quella dei sospettati e alle tracce biologiche rinvenute sui passamontagna ritrovati nascosti nel trullo.

Le contCALOGIURI CARMINE PANTALEO-3estuali analisi balistiche, effettuate sul munizionamento esploso su diverse scene del crimine e comparate con il fucile a canne mozze che Apollonio imbracciava a Torre dell’Orso al momento del suo arresto, hanno consentito di stabilire con certezza che si trattava dello stesso fucile utilizzato in tutte le rapine contestate. Elementi quindi gravi e concordanti, dunque, quelli raccolti daicCarabinieri, che hanno consentito di contestare agli indagati i reati di rapina aggravata in concorso, detenzione illecita di arma da fuoco alterata, ricettazione in concorso e lesioni aggravate. Apollonio, è già in carcere per associazione mafiosa, Calogiuri, invece si trova ora ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorizzarono i commercianti con rapine in serie, ora pagheranno il conto

LeccePrima è in caricamento