Liberati 300 metri quadri di spiaggia: erano occupati con sdraio e lettini

Sequestro a carico di ignoti di guardia costiere e polizia locale di Melendugno. Era stato occupato abusivamente il demanio

TORRE DELL'ORSO – Libero bagno da libera spiaggia. Circa 300 metri quadrati di litorale sui quali erano “magicamente” sorti come funghi ombrelloni, sedie a sdraio e lettini, sono stati restituiti ai bagnanti. Erano stati occupati in maniera abusiva con venticinque attrezzature collocate su un tratto di spiaggia libera a Torre dell’Orso, marina di Melendugno.

Il controllo è scattato alle prime luci dell’alba. Se ne sono occupati, insieme, la delegazione di spiaggia della guardia costiera di San Foca e gli agenti di polizia locale di Melendugno. Le varie attrezzature erano sicuramente destinate all’attività di noleggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma la legge prevede che debbano essere locati di volta in volta, ai bagnanti che ne facciano richiesta, e non certo collocati preventivamente, occupando il demanio in maniera abusiva e sottraendo spazio all’uso pubblico. Chi ha collocato le attrezzature, però, non è stato trovato sul posto. Il sequestro e la denuncia sono scattati verso ignoti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

Torna su
LeccePrima è in caricamento