menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Era ai domiciliari, chiede l'amicizia alla madre della vittima: stalker in cella

A Melissano per ancora nei guai un 29enne che è già stato condannato, ulteriormente rinviato a giudizio e arrestato a gennaio

MELISSANO – Da metà gennaio circa si trovava agli arresti domiciliari per atti persecutori nei confronti della ex, una ragazza di 19 anni, tali da provocare uno stato d’ansia perdurante anche nel resto della famiglia, fra cui la madre della vittima. Ciononostante, un 29enne di Melissano non si sarebbe dato pace. E dalle segnalazioni dei carabinieri della stazione locale, per la violazione delle prescrizioni, è scaturito un nuovo arresto.

La sezione del giudice per le indagini preliminari, infatti, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per il giovane che è stato così prelevato da casa e condotto nella struttura di Borgo San Nicola, a Lecce.

In una circostanza, si è trattata della classica violazione degli arresti domiciliari. I carabinieri, infatti, durante un controllo, l’hanno trovato nel cortile del condominio in cui risiede, quindi, seppur di poco, al di fuori del luogo dov’era confinato, con l’obbligo di non varcare la soglia.

Ma non è tutto. I comportamenti del 29enne sono apparsi più che ambigui. Se, per esempio, in un caso ha pubblicato nello stato di Whatsapp un riferimento alla ragazza, molto più esplicito è stato quando – sempre da sottoposto agli arresti domiciliari, quindi con l’obbligo in generale di non comunicare con l’esterno – ha inviato una richiesta di amicizia via Facebook alla madre della 19. La quale, per inciso, in passato aveva a sua volta denunciato il giovane per le sue condotte moleste.

Per fatti identici, in passato il 29enne era già stato condannato e in più risulta di recente ulteriormente rinviato a giudizio. Non bastasse tutto ciò, ha collezionato ora, nel giro di poche settimane, due arresti nuovi di zecca. Un carattere impulsivo che lo che porterà a più che probabili, nuove conseguenze.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento