Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

La drammatica scoperta in serata a Merine, in un appartamento del complesso "Giardini d'Atena". E' stato il proprietario, sollecitato dai parenti, a effettuare un primo sopralluogo. Poi, sul posto, 118 e carabinieri della stazione di Lizzanello

MERINE – L’hanno trovata senza vita questa sera, poco prima delle 22, nel suo alloggio. Forse, deceduta fin dal giorno precedente. Ma ci sono adesso diversi misteri da svelare, in questa storia. Prima di tutto, capire come sia morta Guibert Diana Mercedes Ricchiuto. La ragazza, origini in parte cubane, aveva appena 22 anni. La famiglia non la sentiva da un giorno. E qualcuno s’è insospettito, chiedendo una verifica. Verifica che ha condotto alla tragica scoperta: la ragazza era morta.

E’ stato il proprietario di un appartamento all’interno del complesso “Giardini di Atena” di Merine, frazione di Lizzanello, a fare la tremenda scoperta. Dato che i parenti della ragazza, che lì dimorava, non avevano notizie dal giorno precedente e non riuscivano a mettersi in contatto con lei in alcun modo, hanno chiesto di controllare che fosse tutto a posto.

Così, in serata, l’uomo si è affacciato nell’abitazione, per poi fare l’agghiacciante constatazione. La ragazza era ormai priva di vita, come confermato anche dagli operatori del 118 intervenuti sul posto. Sono così stati avvisati i carabinieri e, nel complesso residenziale alle porte di Lecce, sono intervenuti i militari della stazione di Lizzanello. Per lei, non c’era davvero più niente da fare.

Ora, resta da capire come sia sopravvenuta la morte, che potrebbe essere stata anche per cause naturali. Così sembrano suggerire i primi sopralluoghi. Tuttavia, non mancano le domande, in questa vicenda. La più importante di tutte: era sola, al momento di quello che sembrerebbe essere stato un malore, poi seguito dal decesso?  Si sarebbe potuta salvare, in qualche modo? 

Stando alle prime informazioni raccolte, la donna è stata ritrovata morta, distesa sul divano. Il corpo, in apparenza, non presenterebbe segni di violenza. Lo stesso appartamento è apparso in ordine ai carabinieri. Porte e finestre, chiuse dall'interno, senza segni di effrazione. Il pubblico ministero di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma presso la camera mortuaria dell'ospedale "Vito Fazzi". Sarà effettuata un'autopsia. E da qui, arriveranno, forse, le prime risposte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

Torna su
LeccePrima è in caricamento