Mezzanotte: il ladro fugge sul tetto, ma i poliziotti lo braccano

Un furto in appartamento ad Aradeo è stato sventato dagli agenti di polizia del commissariato di Galatina. Fermato un 49enne, dopo un'intrusione in una casa, è stato bloccato in fuga sul terrazzino, in via Mazzarella

Il commissariato di polizia di Galatina.

ARADEO – La segnalazione era esatta. L’intervento delle volanti del commissariato di polizia, più che tempestivo. E per Gerardo Tundo, 49enne di Aradeo, non c’è stato scampo. Gli agenti, che già avevano cinturato la palazzina, l’hanno sorpreso sul terrazzo. La disperata fuga sui tetti, sotto la luna piena, come nei romanzi gialli vecchia scuola, è terminata con i poliziotti addosso a lui e un paio di manette strette ai polsi.

Sorprendere in flagranza un ladro d’appartamento non è mai semplice. Agili e sfuggenti, a volte in grado di arrampicarsi su pali e grondaie come trapezisti, il più delle volte passano come un tifone nelle case, lasciano tutto in disordine e se la svignano col malloppo.

A Tundo è andata male. Era la mezzanotte fra il 10 e l’11 ottobre e aveva scelto un’abitazione precisa di Aradeo, in via Mazzarella, nella speranza di racimolare qualcosa. Doveva essere a conoscenza del fatto che in quel momento in casa non vi fosse nessuno. Sarebbe troppo pensare al colpo di fortuna. Ma qualcuno deve aver notato movimenti sospetti e così è stata chiamata la polizia. Sul posto, in pochi istanti, si sono fiondati gli agenti di polizia del commissariato di Galatina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Individuata l’abitazione, i poliziotti si sono fiondati all’interno. I segni lasciati dal passaggio dell’intruso erano evidenti, visti i mobili spostati alla rinfusa, ma di lui nessuna traccia. Non potendo essere uscito dalla stessa porta dalla quale erano saliti loro, né certo essersi lanciato da una finestra, l’alternativa era che si trovasse sul terrazzo. I poliziotti si sono così arrampicati sulle scale e l’hanno notato quasi subito. Difficile anche nascondersi, è stato bloccato e trasportato verso il commissariato. Dichiarato in arresto, è finito nel carcere di Borgo San Nicola, a Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento