Cronaca Tricase

"Mi sono confuso con l'orario". Ma la scusa non regge: nei guai per evasione

I carabinieri della stazione di Tricase hanno tratto in arresto Cosimo Vessio, pregiudicato originario di Bari, per evasione. L’uomo, già ai domiciliari dopo una recente condanna ormai diventata definitiva per violenza a pubblico ufficiale

TRICASE - I carabinieri della stazione di Tricase hanno tratto in arresto Cosimo Vessio, pregiudicato originario di Bari, per evasione. L’uomo, già ai domiciliari dopo una recente condanna ormai diventata definitiva per violenza a pubblico ufficiale e di recente più volte arrestato dai militari dell’Arma dell’area del Capo di Leuca.

Spicca il famoso caso in cui si presentò da solo davanti alla caserma, bagagli in mano, chiedendo di essere portato in carcere avendo litigato in casa. Era già ai domiciliari dopo un arresto per spaccio di droga, avvenuto nella sua città originaria, Bari.

VESSIO Cosimo per stampa-2Vessio, in questo caso, aveva ottenuto dal Tribunale un permesso di due ore, tre volte alla settimana.  Oggi, però, è stato notato un’ora prima del permesso orario a bordo della propria autovettura aggirarsi per la città di Tricase per poi far perdere le tracce e rientrare in casa con oltre dieci minuti di ritardo.

I carabinieri si sono così presentati per l’ennesima volta alla sua porta. Vessio ha tentato di giustificarsi, sostenendo che si “era confuso sull’orario”. Tutto inutile: è stato arrestato. E’ difeso dall’avvocato Tony Indino. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mi sono confuso con l'orario". Ma la scusa non regge: nei guai per evasione

LeccePrima è in caricamento