Migranti sfruttati nei campi, l'accusa chiede 15 condanne per caporali e imprenditori

Pene per quasi due secoli di carcere sono state invocate dal pubblico ministero Elsa Valeria Mignone nel processo scaturito dall'operazione Sabr

LECCE – In circa quattro ore di requisitoria il procuratore aggiunto Elsa Valeria Mignone ha ricostruito, dinanzi ai giudici della Corte d'assise di Lecce (presieduta da Roberto Tanisi), la struttura piramidale di una presunta organizzazione criminale transnazionale, dedita al favoreggiamento dell'ingresso di clandestini nel territorio italiano, per la maggior parte tunisini e ghanesi, destinati a essere sfruttati nella raccolta di angurie e di pomodori. Si tratta del processo scaturito dall'operazione Sabr, condotta dai carabinieri del Ros, guidati allora dal colonnello Paolo Vincenzoni, e del comando provinciale di Lecce. Nel processo oltre la Regione Puglia (assistita dall’avvocato Anna Grazia Maraschio) si sono costituti otto braccianti (tra loro c'è anche Yvan Sagnet, leader dello sciopero dei braccianti stranieri ribellatisi nell'estate del 2011 allo sfruttamento), la Cgil, la Flai Cgil, la Camera del lavoro, l'associazione "Finis terrae”.

L’accusa ha chiesto quasi due secoli di carcere. Al vertice della piramide dello sfruttamento ci sarebbero stati i datori di lavoro salentini, cui si affiancavano caporali, cassieri e capisquadra. I datori di lavoro sono gli imprenditori e proprietari terrieri. Quattordici anni, in particolare, la richiesta per Pantaleo Latino, detto "Pantalucci", 59enne di Nardò, che sarebbe stato il referente per tutti, costantemente in contatto con il reclutatore Saber Ben Mahmoud Jelassi (tra i dieci e i sette anni le pene per gli altri caporali). Nove anni per i neretini Marcello Corvo, Livio Mandolfo, e Salvatore Pano; Corrado Manfredi e Giuseppe Mariano, di Scorrano; e Giovanni Petrelli. A lui si sarebbero rivolti gli altri imprenditori in cerca di uomini da utilizzare come bestie nei campi.

Partivano nel Salento, passando per Rosarno e la Sicilia, le nuove rotte degli schiavi e dello sfruttamento della manodopera africana. Con il trascorrere dei secoli sono cambiate dunque le vie e le destinazioni di un sistema che ha trasformato i deportati in reclutati. E' questa la triste realtà emersa dall’operazione “Sabr”. Una realtà che, secondo il pubblico ministero, le istituzioni hanno ignorato.

Ventidue furono le misure cautelari emesse dal gip di Lecce Carlo Cazzella, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Otto quelle eseguite nella provincia di Lecce, mentre il resto dei provvedimenti fu operato nelle province di Bari, Pisa, Caserta, Reggio Calabria, Palermo, Agrigento, Siracusa e Ragusa. I capi d'imputazione, che vanno dall'associazione per delinquere alla riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù, estorsione e falso, comprendono anche la tratta di persone. Il Riesame aveva fatto cadere l’ipotesi di riduzione in schiavitù, confermata invece oggi dal pubblico ministero, che ha evidenziato come i lavoratori fossero vulnerabili visto il loro stato necessità e bisogno.

Le indagini, iniziate nel gennaio del 2009, sono proseguite fino a ottobre 2011. Determinati, sono state le dichiarazioni di alcune vittime, coraggiose nel denunciare le condizioni di vita disumane cui erano stati sottoposti nelle campagne di Nardò.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I lavoratori stranieri erano impiegati nei campi di raccolta a condizioni inumane, al limite della sopportazione psico-fisica, e remunerati con paghe al di sotto della soglia di povertà, con una paga che oscillava tra i 22 e i 25 euro al giorno, con un orario di lavoro di 10-12 ore al giorno. Una parte consistente del salario, inoltre, andava al caporale e all'intermediatore, il resto era destinato alle spese per la sopravvivenza. Dalle intercettazioni telefoniche emergono chiaramente le condizioni lavorative disumane a cui erano costretti gli immigrati. “Ora quelli te li sfianco fino a questa sera...”, dice un caporale. “Quelli volevano pure bere e non c'era nessuno che gli dava l'acqua...”, spiega sogghignando un caposquadra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento