Militari si fingono turisti e scoprono sdraio e ombrelloni "irregolari": nei guai il titolare di un lido

La scoperta dei carabinieri e della capitaneria di porto in uno stabilimento a Torre dell’Orso. Multato il gestore

MELENDUGNO - Si spacciano per turisti e trovano così la conferma che il titolare di un lido a Torre dell’Orso (marina di Melendugno) occupasse sin dalle prime ore del giorno con sdraio e ombrelloni anche la parte di spiaggia - oltre a quella di cui aveva piena facoltà d’uso – per la quale la concessione gli imponeva di offrire il servizio solo su richiesta dei bagnanti.

E’ così che i carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Lecce e della stazione locale, con gli uomini della capitaneria di Porto di San Foca, hanno confermato i sospetti maturati durante mirate attività di controllo nei lidi della zona, elevando una sanzione amministrativa al gestore.  

Questo era munito di regolare concessione per l’utilizzo di un’area demaniale di circa 800 metri quadrati, metà dei quali però utilizzabili come spiaggia “libera attrezzata”. Ai finti turisti che avevano chiesto informazioni in merito al noleggio dell'attrezzatura, il titolare avrebbe proposto proprio quella posizionata irregolarmente (per un totale di 22 ombrelloni e 44 lettini), al costo di 30 euro.

Lo scorso luglio, sempre a Torre dell’Orso, la Guardia Costiera e la polizia locale avevano restituito ai bagnanti una parte di spiaggia libera (300 metri quadri) occupata abusivamente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

Torna su
LeccePrima è in caricamento