Cronaca

Minacce e danneggiamenti nei confronti dell'ex socio, condannato 41enne

Due anni e quattro mesi per Bruno Guida, al centro di una complessa vicenda giudiziaria scaturita in ambito lavorativo e famigliare

LECCE – Condanna a 2 anni e quattro mesi (più 600 euro di multa) per Bruno Guida, 41enne di Leverano, al centro di una complessa vicenda giudiziaria scaturita in ambito lavorativo e famigliare. Tutto è iniziato dopo la cessazione di una società con il suo ex socio e la ex moglie di quest'ultimo, sorella di Guida. I due hanno ceduto la loro parte per circa 20 mila euro ciascuno. Somma che non solo non sarebbe mai stata versata, ma che l’uomo avrebbe intimato di non chiedere.

Dalle minacce il 41enne sarebbe passato alle vie di fatto, con l’incendio di una Fiat Panda e di un Doblò, di proprietà dei genitori dell’ex socio, che sarebbe stato persino vittima di un inseguimento, finito con uno speronamento. Le denunce delle vittime, stanche dei soprusi e spaventate dalle conseguenze, hanno portato i carabinieri della stazione di Leverano a condurre le indagini che hanno inchiodato l’uomo. Gli uomini al comando dal maresciallo Gianluca Pagliara hanno raccolto prove tali da portare la Procura a chiedere una misura cautelare a novembre del 2016. Oggi la sentenza di primo grado. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce e danneggiamenti nei confronti dell'ex socio, condannato 41enne

LeccePrima è in caricamento