Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Minaccia di gettarsi dal "Fazzi", poi si recide le vene

Per fortuna non corre pericolo l'uomo di 50 anni, impiegato di una ditta di pulizie che opera in ospedale, il quale ha prima minacciato di lanciarsi nel vuoto, poi con un cutter s'è tagliato i polsi

La volante della polizia nel parcheggio del "Fazzi" di Lecce.

Tutto è nato da una telefonata. Qualche notizia giunta da chissà dove. Qualcosa di molto spiacevole, tanto da cambiare in un istante la piega della giornata, in senso letteralmente drammatico. Fino a partorire la decisione di farla finita. E' successo questa mattina all'interno dell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce. Un uomo impiegato in una ditta di pulizie che detiene l'appalto presso il nosocomio, s'è affacciato improvvisamente al quarto piano dell'edificio, minacciando di gettarsi di sotto. Per tentare di soccorrere l'uomo, 50enne, originario di Tuglie, sono subito intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce e gli agenti di polizia della sezione volanti, che, insieme al personale sanitario al lavoro questa mattina, hanno cercato di rasserenarlo, evitando che compiesse il gesto.

Gli agenti di polizia, in particolare, parlando con il 50enne, sono riusciti a convincerlo ad evitare il peggio. E tuttavia, prima che fosse raggiunto, è riuscito a recidersi le vene dei polsi, per fortuna non in profondità, ed i tendini, usando un comune tagliacarte estraibile. Condotto in basso e portato nel pronto soccorso, è stato subito medicato e non è in pericolo.

E sempre a Lecce, ma questa volta a pochi passi dal centro, una brutta disavventura è capitata ad una donna dio 56 anni, Antonella Caroppo, investita da un'Audi A3 guidata da un uomo mentre attraversava la strada. Il fatto è avvenuto all'incrocio tra via Giammatteo e viale Leopardi. L'auto, secondo gli accertamenti del personale della sezione infortunistica della polizia municipale, stava svoltando verso destra, quando improvvisamente ha investito la donna, che però, a quanto è dato sapere, non stava attraversando la via sulle strisce pedonali. Immediatamente sul posto sono arrivati i soccorsi. Condotta in ospedale per accertamenti, per fortuna la prognosi riportata per le lesioni è di 15 giorni e la donna è stata già dimessa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia di gettarsi dal "Fazzi", poi si recide le vene

LeccePrima è in caricamento