Prima le botte, poi le minacce con un coltello: arrestato il vicino di casa

E’ finito in carcere per stalking e resistenza a pubblico ufficiale un 40enne di Ugento. E’ accusato di aver perseguitato un uomo per futili motivi

UGENTO - Con un coltello minaccia il proprio vicino di casa e all’arrivo dei carabinieri tenta la fuga e si oppone ai militari che tentano di bloccarlo. Sono queste le azioni di cui si sarebbe reso responsabile Elvis Stasi, 40enne di Ugento, e che gli sono costate il carcere. Le accuse sono di stalking e resistenza a pubblico ufficiale. STASI Elvis-2

Stando ai primi accertamenti, l’uomo verso la mezzanotte di venerdì, per futili motivi, avrebbe inveito contro il vicino. E, non sarebbe stata la prima volta: la mattina precedente l’avrebbe preso a calci e pugni e minacciato, in questo caso, con una pistola in legno da addestramento.  L’arresto è stato eseguito dai carabinieri della stazione locale, coadiuvati dai colleghi di Ruffano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Parte la fiammata e la casa prende fuoco: gravemente ustionata una donna

Torna su
LeccePrima è in caricamento