Prima le botte, poi le minacce con un coltello: arrestato il vicino di casa

E’ finito in carcere per stalking e resistenza a pubblico ufficiale un 40enne di Ugento. E’ accusato di aver perseguitato un uomo per futili motivi

UGENTO - Con un coltello minaccia il proprio vicino di casa e all’arrivo dei carabinieri tenta la fuga e si oppone ai militari che tentano di bloccarlo. Sono queste le azioni di cui si sarebbe reso responsabile Elvis Stasi, 40enne di Ugento, e che gli sono costate il carcere. Le accuse sono di stalking e resistenza a pubblico ufficiale. STASI Elvis-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stando ai primi accertamenti, l’uomo verso la mezzanotte di venerdì, per futili motivi, avrebbe inveito contro il vicino. E, non sarebbe stata la prima volta: la mattina precedente l’avrebbe preso a calci e pugni e minacciato, in questo caso, con una pistola in legno da addestramento.  L’arresto è stato eseguito dai carabinieri della stazione locale, coadiuvati dai colleghi di Ruffano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La mappa del contagio: da Unisalento e Asl la foto dei casi per comune

  • "Assalto" all'ipermercato per le offerte pasquali: assembramenti, arrivano i carabinieri

  • Coronavirus, muore 40enne positivo. Stretta su Pasqua e Pasquetta: “Nessuna gita consentita”

  • Paura a Lequile: olio bollente sul volto, gravi ustioni per un bimbo di 2 anni

  • Il passo del contagio ancora lento, ma in provincia di Lecce tre decessi

  • Simula la febbre per tagliare la coda al supermarket, anziana nei guai

Torna su
LeccePrima è in caricamento