menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Minorenne legata e violentata, assolto il suo ex professore

Il docente, oggi in pensione, è riuscito a dimostrare l’estraneità alle accuse mosse da una ragazza conosciuta tra i banchi di scuola. Per il giudice “il fatto non sussiste”

LECCE - Raccontò di essere stata legata e violentata dall’uomo che era stato il suo professore. E da quelle dichiarazioni partì un’inchiesta sfociata poi in un processo. Un processo nel quale l’imputato è riuscito a dimostrare l’estraneità alle accuse e a ottenere così un’assoluzione con la formula “perché il fatto non sussiste”.

La sentenza è stata emessa oggi al termine del giudizio abbreviato dal giudice Giovanni Gallo, al quale lo stesso magistrato che coordinò le indagini, il pubblico ministero Stefania Mininni, aveva invocato un verdetto assolutorio.

A questa conclusione si è giunti attraverso le indagini sollecitate dai difensori, gli avvocati Daniele De Matteis e Fabrizio Ruggeri. In particolare, attraverso l’analisi del materiale trovato nel telefonino della presunta vittima (minorenne all’epoca dei fatti) sarebbero emerse diverse contraddizioni rispetto a quanto dichiarato dalla stessa, circa i tempi e i luoghi in cui si sarebbero verificate le violenze. Ma non finisce qui.

Uno degli incontri sarebbe avvenuto il 20 gennaio del 2016 nella zona di Maglie, ma è stato dimostrato che, dal 10 gennaio all’aprile del 2016, l’uomo si trovava a Reggio Emilia.

“Siamo soddisfatti di questo risultato, ma questa vicenda non ha né vincitori, né vinti, perché a questa persona è stata rovinata la vita per quattro anni. Comprendo che di fronte a un fatto efferato si cada nella tentazione di dare una acquiescenza alle dichiarazioni della persona offesa perché si parte dall’assunto, a mio avviso errato, che la parte offesa non possa dire bugie. Ma questo processo si basava sul nulla”, il commento dell’avvocato Ruggeri, qualche minuto dopo la lettura del dispositivo.

Durante l’udienza preliminare, i genitori della ragazza (assistiti dall’avvocato Cristiano Solinas) rinunciarono alla costituzione di parte civile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento